iotty – interruttore intelligente I3

5 minuti di lettura
Produttore: iotty
Categoria: Attuatore
Tipologia: Placca intelligente multi-interruttore con sensore(i) di assorbimento elettrico
Tecnologie: TCP/IP via Wi-Fi
Difficoltà d’installazione: Bassa
Semplicità d’uso: Alta
Disponibilità: e-commerce
Revisione recensione: 1.0

iotty I3 - bianco e nero

BASTA UN TOCCO

Di placche murali intelligenti cominciano a esisterne di diverse: in questa occasione abbiamo avuto modo di testare iotty I3, il modello a tre canali dell’omonima casa di produzione 100% italiana. Si tratta di un attuatore Wi-Fi particolarmente curato sul fronte estetico che consente il controllo fino a tre punti luce (o carichi a corrente alternata di diversa natura) sia tramite controllo manuale a sfioramento che tramite strumenti domotici di gestione finale.

Ne esistono anche modelli a uno e due canali: ovviamente le considerazioni qui fatte sono pressoché le stesse, al netto delle diverse dimensioni e, chiaramente, del diverso numero di canali disponibili.

Caratteristiche

iotty I3 si presenta con le dimensioni di una tradizionale placca installabile su scatola murale standard 503, ovvero quelle tipicamente riscontrabili nelle case europee, in primis le nostre. La parte esterna, quella visibile e di controllo, è realizzata in vetro temperato e misura 125mm x 85mm, con una profondità di 9 mm. Sotto il vetro un sottile velo colorato determina l’impatto cromatico dell’unità; i colori disponibili sono nero, bianco, grigio, azzurro e sabbia. I pulsanti sono sostanzialmente delle rappresentazioni luminose rettangolari le quali cambiano di intensità luminosa in base allo stato del relè che controllano (più intensa quando il relè è chiuso, meno quando è aperto). Non è purtroppo installabile come punto luce interrotto (in presenza del solo polo “fase”).

iotty I3 - dimensioni

Ogni canale supporta una corrente massima di 5 Ampere (quindi intorno ai 1100 Watt ciascuno) e supporta qualsiasi lampadina (incandescente, fluorescente, LED) nonché qualsiasi altro carico resistivo. Il carico minimo gestibile (sotto il quale l’eventuale luce o carico si spegne) è di 3 Watt. L’unità è dotata, per ogni canale, di sensore di assorbimento istantaneo espresso in Watt.

Sul fronte domotico, l’unità è dotata di supporto Wi-Fi (disattivabile, il che la rende una “semplice” placca touch) in standard 802.11 b/g/n/e/i e Wi-Fi direct (P2P), con una potenza massima di 20dBm sui 2.4 GHz. Lo standard 5 Ghz non è disponibile.

iotty i3 presenta varie funzionalità – configurabili tramite la propria app iotty Smart Home (per Android e iOS) – tra le quali le impostazioni relative al comportamento dell’unità e dei vari pulsanti (modalità d’uso, retroilluminazione, Wi-Fi eccetera) nonché svariate automazioni come la possibilità di attivare/disattivare i relè in base alla posizione geografica (funzione assente in molte soluzioni analoghe) nonché l’interessante modalità “Vacanza”, la quale consente l’accensione casuale dei relè per simulare la presenza degli inquilini in casa (misura di sicurezza anti-ladri, anch’essa difficilmente riscontrata in altre soluzioni); molto interessante, inoltre, la possibilità di attivare/disattivare automaticamente i singoli canali in base alle condizioni meteorologiche. Non mancano, ovviamente, le più classiche automazioni legate ad alba e tramonto e/o ad orari preimpostati. 

Infine, importante citare le certificazioni CE, RoHS e EU Reach ottenute dal prodotto.

Installazione e configurazione

L’installazione è piuttosto semplice: come illustrato anche dal manuale, sostanzialmente iotty I3 si monta come/al posto di un interruttore o pulsante meccanico. Una volta effettuata l’installazione fisica, è possibile configurare l’unità tramite la sopracitata app mobile iotty Smart Home, la quale consente, in prima battuta, di inoculare sull’unità le credenziali per accedere alla propria Wi-Fi, nonché provvedere all’eventuale aggiornamento firmware. Effettuata la primissima configurazione è dunque possibile impostare i vari relè nelle varie modalità previste, ovvero se agire come interruttore, come deviatore o come pulsante (modalità inching). Per quest’ultima modalità non abbiamo riscontrato, presso l’app, l’impostazione di durata dell’impulso, il quale infatti dura tanto quanto si tiene appoggiato il dito sulla placca. In caso invece si usi l’app, l’impulso pare durare intorno ai due decimi di secondo (preimpostati di fabbrica e, come detto, non modificabili).

Dato che tramite automazioni via app è possibile gestire, con ogni pulsante, il comportamento di un altro relè iotty presente sulla stessa rete Wi-Fi, la placca può anche semplicemente essere installata a muro e alimentata senza collegarvi alcun carico fisico (sui vari relè in uscita): può infatti essere usata per controllare carichi gestiti dal altri relè iotty senza bisogno di cablaggi, via Wi-Fi. In sostanza si preme un pulsante di una placca così configurata e a reagire è il relè di un’altra, e così via.

Esperienza d’uso

Senza dubbio abbiamo molto apprezzato la grande disponibilità di funzioni e configurazioni possibili, il che consente a iotty un’adozione davvero versatile. Molto apprezzabile l’uso del vetro, che conferisce all’unità un aspetto estremamente elegante – di contro, ovviamente, la necessità di tenere la superficie molto pulita. Abbiamo testato la sensibilità del tocco (regolabile) con un guanto di pelle invernale senza avere alcun problema di funzionamento.

Utile inoltre la presenza del sensore(i) di assorbimento, il che consente di consultare tramite l’app l’assorbimento istantaneo nonché l’andamento storico.

Se la soluzione iotty presenta qualche problema non è di certo sull’unità, molto ben realizzata, quanto lato app mobile, la quale nell’utilizzo ordinario si è rivelata, sia su Android che iOS, non propriamente all’altezza: la versione testata nell’agosto 2020 si è bloccata svariate volte, bloccandosi e richiedendo un fastidioso riavvio: questo sia durante il banale controllo dei relè sia nella fase di configurazione del comportamento degli stessi. Un peccato, perché l’app apparentemente è ben realizzata, abbastanza intuitiva e potenzialmente efficace nell’uso quotidiano.

Compatibilità

Il grado di compatibilità di iotty I3 è abbastanza elevato: è infatti compatibile con Amazon Alexa e Google Home, oltre che con il servizio IFTTT (in modo diretto). Ovviamente è compatibile con la sua app iotty Smart Home (per Android e iOS). Assente invece la compatibilità con Apple HomeKit, ma l’app per iOS consente di utilizzare per lo meno i Siri Shortcuts.

Integrabilità domotica

Il vero problema di iotty I3 è, purtroppo, la quasi totale assenza di integrabilità domotica. L’unità non espone infatti né API Rest locali né lo fa il suo Cloud (per lo meno non documentate), il che non consente lo sviluppo libero di integrazioni Local e/o Cloud. Presente invece l’integrazione con l’ecosistema Samsung SmartThings.

Al di là di questo, l’unica eventualità consentita è quella di utilizzare, a fini d’integrazione con altri e più noti HUB, il servizio IFTTT, ma ovviamente non si tratta di un canale che ci sentiamo di sostenere (vedi approfondimento sul tema).

La nostra speranza, ovviamente, è che il produttore in futuro doti l’ecosistema iotty di un’apertura, anche minima, verso le integrazioni terze. Trattandosi di dispositivi ad intelligenza limitata, lo sforzo a tale scopo dovrebbe essere sostenibile, rendendo la soluzione molto più appetibile rispetto ad oggi – anche e sopratutto in un’ottica di durata del proprio investimento (come vedremo non esiguo).


HUB Integrabilità Note
Home Assistant ✖️ integrazione assente.
Homebridge (Apple HomeKit) ✖️ integrazione assente.
openHAB ✖️ integrazione assente.
Domoticz ✖️ integrazione assente.
Homey ✖️ integrazione assente.
SmartThings ✔️ integrazione disponibile tramite schema ufficiale.

Valutazione

Valutazione di dettaglio:

Qualità costruttiva
Funzionalità
Uso: qualità ed esperienza
Compatibilità
Integrabilità
Prezzo
Media
N.b. La spiegazione di questi parametri di valutazione è illustrata in dettaglio su questa scheda.

Epidermicamente abbiamo da subito pensato di avere tra le mani un attuatore degno dell’inDomus Award, ma purtroppo abbiamo dovuto rivedere la valutazione al ribasso per due sostanziali considerazioni legate tra loro, quelle relative a integrabilità e prezzo. Un vero peccato: iotty I3 è un validissimo componente tecnologico sia dal punto di vista estetico (per quanto si tratti di un aspetto soggettivo) sia da quello tecnologico. Funziona bene, è dotato di validissime funzionalità ad oggi non disponibili in molte soluzioni di questo tipo, è certificato CE ed è veloce ed efficace, oltre ad essere piuttosto versatile. Il suo costo, innegabilmente elevato, non è però giustificabile rispetto all’assenza di integrabilità domotica: passi la qualità purtroppo non all’altezza dell’app di gestione mobile (alla fine migliorabile con poco sforzo), ma la quasi totale assenza di apertura verso gli HUB personali è una grave mancanza, la quale rende il componente poco appetibile rispetto a decine di altre soluzioni ampiamente integrabili.


Telegram News Channel