community italiana di domotica personale
 
⭐️ Recensione: Sonoff POW Ring (POWCT), il meter passivo di potenza ed energia di ITEAD

⭐️ Recensione: Sonoff POW Ring (POWCT), il meter passivo di potenza ed energia di ITEAD

Produttore: ITEAD
Categoria: Sensore
Tipologia: Sensore passivo di potenza ed energia
Tecnologie: TCP/IP via Wi-Fi
Difficoltà d’installazione: Medio/bassa
Semplicità d’uso: Media
Disponibilità: ITEADAmazon
Revisione recensione: 1.1

ITEAD Sonoff POW Ring - Montato

 

UN ANELLO PER MISURARLI

Freschissimo di fabbrica, il nuovo Sonoff POW Ring è prontamente giunto tra le nostre mani così da testarlo e provarlo per voi: membro della arcinota famiglia “ITEAD Sonoff Smart Home“, si tratta di un misuratore passivo (quindi non attraversato dalla corrente che misura) di potenza istantanea ed energia consumata nel tempo da installarsi – tipicamente, ma non obbligatortiamente – a quadro elettrico.

Vediamo assieme, nello specifico, cos’abbiamo scoperto.

Caratteristiche

Sonoff POW Ring (codificato come modello POWCT) si presenta come un modulo in policarbonato bianco con ritardante di fiamma dalle dimensioni di 98 x 54 x 31mm (poco più grande di un pacchetto di sigarette) dotato sul retro della staffa per il montaggio a pannello (ma anche a muro) e sul frontale di un display a cristalli liquidi in grado di fornire informazioni istantanee che vedremo in dettaglio più avanti. Concepito solo per uso in interni, lavora in un range operativo di -10° / +50° di temperatura.

ITEAD Sonoff POW Ring - Schema connessioni

Sempre sul frontale presenta inoltre un piccolo pulsante utile alla prima configurazione e all’attivazione nell’uso ordinario del relè interno, il quale fornisce una coppia di contatti puliti (NC o NO in base alla configurazione che gli si impartisce) utile a comandare, per esempio, un interruttore differenziale esterno o altro. Inoltre, l’unità presenta un connettore femmina RJ11 sul quale innestare la sonda in dotazione (una pinza amperometrica CAT II in grado di misurare fino a 100 Ampere di corrente) e un connettore coassiale sul quale attestare l’antenna Wi-Fi esterna (anch’essa in dotazione). Una coppia di contatti (fase e neutro 230v AC) per l’alimentazione dell’unità e tre micro-LED blu di stato posti accanto al pulsante di attivazione completano il quadro, disattivabili.

ITEAD Sonoff POW Ring - Schema su quadro

Quanto alla sua intelligenza, Sonoff POW Ring dispone di un processore SOC ESP32 come tutti gli ultimi modelli Wi-Fi usciti da casa ITEAD, il che lo rende particolarmente veloce ed efficiente, oltre ad essere liberamente riprogrammabile con firmware alternativi come per esempio ESPHome o Tasmota. L’antenna Wi-Fi esterna, una novità in campo Sonoff, è ideale in caso l’unità si trovi parecchio lontana dal router Wi-Fi al quale viene connessa (fino a 130 metri in campo aperto).

Le funzionalità sono quelle di misuratore istantaneo di potenza e calcolo di energia. Montato a monte di un impianto, per esempio, consente di misurare quanti Watt istantanei esso stia assorbendo e quanta energia abbia consumato nel tempo; inoltre, tramite il suo relè a contatto pulito può comandare il distacco di un differenziale in caso di assorbimento eccessivo, o altro. A differenza di altri modelli (come il POW Elite), questo nuovo POW Ring utilizza una misurazione passiva non passante, il che lo rende ideale in termini di sicurezza per la misurazione anche di grandi carichi (fino a 100 Ampere, ovvero 23-24 KW circa). Si tratta di un componente ideale anche per monitorare impianti di produzione elettrica, ivi inclusi i pannelli plug&play.

Le letture vengono visualizzate in tempo reale sul piccolo display a cristalli liquidi, il quale riporta ciclicamente: l’assorbimento istantaneo in Watt e il consumo elettrico nel tempo in kWh, il voltaggio e l’amperaggio istantanei. Le quattro misure si intervallano ogni cinque secondi e sono disponibili, va da sé, anche sulla classica app di gestione di ITEAD eWeLink (per iOS e Android), la quale può anche comandare l’apertura/chiusura del relè a contatto pulito presente sul Sonoff POW Ring.

Installazione

Come spesso capita in domotica personale, anche Sonoff POW Ring prevede una fase di installazione fisica e una logica.

Quella fisica prevede che l’unità venga alimentata, connessa ad antenna (se serve, per questioni di distanza dal router) e sonda toroidale (a pinza apribile, quindi non è necessario disconnettere il cavo di fase che andrà a misurare), se presenta al circuit breaker che andrà a comandare il relé presente sull’unità, dopodiché andrà fissato o a quadro (tramite barra DIN) oppure a muro (tramite staffa inclusa nella confezione).

ITEAD Sonoff POW Ring - Schema installazione
lo schema di installazione, senza e con azione sul differenziale (sx e dx).

Al termine si può provvedere alla prima configurazione tramite la già citata app eWeLink: la procedura per la configurazione logica guidata è semplice, al limite del banale.

Completata anche questa fase, il misuratore/interruttore Sonoff POW Ring è finalmente operativo.

Esperienza d’uso

L’app eWeLink permette, su Sonoff POW Ring, svariate configurazioni:

  • permettere il controllo del relè interno;
  • consultare la potenza istantanea e l’andamento dei consumi di energia nel tempo (sei mesi di profondità storica);
  • consultare voltaggio (puntuale) e amperaggio (stimato da sonda) istantanei;
  • pianificare timer di attuazione del relè;
  • impostare timer e loop timer;
  • impostare soglie di diversa natura.

Sul tema soglie, interessante la gestione offerta: l’app consente di impostarne di diversi tipi, le quali quando raggiunte innescano lo spegnimento del relè interno:

  • potenza massima;
  • potenza minima;
  • voltaggio massimo;
  • voltaggio minimo;
  • corrente massima;
  • corrente minima.

Non riusciamo a immaginare, su due piedi, quali possano essere gli scenari in cui il relè possa essere innescato per la discesa sotto un valore minimo (che sia di potenza, voltaggio o amperaggio), ma tant’è: anche questa funzione è disponibile.

Vetrina - Offerte del giorno

Inoltre, è possibile configurare il relè in modalità inching, ovvero far sì che la sua attivazione duri solo pochi istanti per poi tornare in “off”. Questo è utile per esempio per innescare un breaker tramite singolo impulso di durata regolabile. La regolazione può durare da 0.5 secondi a 60 minuti: un range davvero ampissimo. L’inching è anche configurabile in reverse (auto riaccensione dopo un tot di tempo, a fronte dello spegnimento).

La configurazione permette anche di impostare lo stato di accensione del relè al momento dell’alimentazione dell’unità (“on”, “off”, “ultimo stato rilevato”) e le notifiche push tramite app eWeLink in caso, per esempio, di cambio di stato del relè nonché i resoconti di energia su base mensile e quotidiana e l’eventuale superamento delle soglie di cui sopra.

Quanto all’esperienza complessiva d’uso, il POW Ring eredita la solidità e l’ottima fattura costruttiva di ITEAD: mai un’incertezza, mai problemi specifici nell’uso dell’attuazione come nella misurazione, puntuale e precisa, delle metriche proposte.

Ma non è una sopresa, ecco.

Integrabilità domotica

In termini di integrabilità domotica, la predisposizione di Sonoff POW Ring ad essere sfruttato con e da altri ecosistemi è ampia.

Sovra-standard

Apple HomeKit

Apple HomeKit logoQuanto a Apple HomeKit, Sonoff POW Ring non è formalmente supportato. Questo significa che, out of the box, non è possibile sfruttarlo utilizzando la domotica di Apple; questo però non significa in assoluto che non sia possibile farlo in altro modo, come vedremo a seguire nel paragrafo dedicato agli HUB personali, più sotto.

MATTER

Matter logoQuanto a Matter, Sonoff POW Ring non è formalmente supportato. Questo significa che, out of the box, non è possibile sfruttarlo utilizzando ecosistemi che supportino questo sovra-standard; questo però non significa in assoluto che non sia possibile farlo in futuro: in realtà, con un “semplice” aggiornamento lato ecosistema Sonoff, il produttore potrebbe in futuro garantire la compatibilità a Matter over-Wi-Fi. In caso, in futuro aggiorneremo il presente paragrafo.

HUB personali

HOME ASSISTANT

Home Assistant Official Logo v3

Il più adottato worldwide tra gli HUB personali open source è, motivamente, Home Assistant, il quale di base non integra i componenti ITEAD Sonoff; l’alternativa è quella di utilizzare il custom component Sonoff LAN, il quale consente una piena integrazione – automatica – del sensore/attuatore.

L’integrazione è pressoché perfetta:

ITEAD Sonoff POW Ring - Home Assistant
via Sonoff LAN.

Come si nota, l’integrazione genera tutte le entità utili a censire e controllare l’unità. Naturalmente, l’integrazione con Home Assistant rende Sonoff POW Ring anche implicitamente compatibile con Apple HomeKit, compatibilità di base non prevista, di base, dalla soluzione.

HOMEY PRO

Homey LogoHomey Pro è un HUB personale che sfrutta “app” di integrazione per integrare componenti e servizi di diversi produttori e standard; malgrado per Sonoff ce ne siano svariate, nessuna ad oggi è in grado di integrare ITEAD Sonoff POW Ring, possibilmente per la sua giovane età. Non resta quindi che attendere di capire se le app di integrazione verranno – sperabilmente – aggiornate al fine di supportare anche questo interessante componente di ITEAD.


ITEAD Sonoff POW Ring - Package aperto
il contenuto del package.

Valutazione

Qualità costruttiva
Funzionalità
Uso: qualità ed esperienza
Compatibilità e integrabilità
Innovazione
Rapporto qualità/prezzo
Media
N.b. La valutazione è oggetto di revisione nel tempo in funzione di novità e aggiornamenti.
ITEAD Sonoff POW Ring - BoABella prova, ITEAD. Non che sia una sopresa: la linea Sonoff è tra le più apprezzate da noi e da mezzo mondo per qualità di costruzione e per valore intrinseco dei componenti. Se solo fornissero per i loro device un set di API locali o magari un supporto MQTT out-of-the-box

Vabbè; senza divagare troppo, Sonoff POW Ring è il componente che ti aspetti da ITEAD e che mancava come gioiello della corona. Funziona benissimo e non fa rimpiangere altre soluzioni similari; l’unico, potenziale problema nasce dalle dimensioni: solo chi ha un quadro sufficientemente spazioso può pensare di adottarlo, diversamente sarà necessario optare per soluzioni più ridotte in dimensioni, tipo Shelly EM. Certo: il display è una funzionalità golosa, ma alla fine – salvo specifiche necessità – l’informazione “live” di assorbimento ed energia può essere anche ricavata dall’app di gestione e/o dall’ecosistema in cui il dispositivo viene integrato.

Ha tutto quanto serve, funziona bene, è versatilissimo, costa il giusto: merita un AWARD.

Disponibilità: ITEADAmazon
Pros
  • Passivo, quindi sicuro
  • Ideale per misurare interi impianti elettrici
  • Utilizzabile anche per misurare pannelli plug&play
  • Tante configurazioni attuabili
Cons
  • Dimensioni (non adatto a tutti)

inDomus AWARD

⭐️ BEST IN CLASS ⭐️
Attualmente, per questa categoria di componenti il migliore da noi sperimentato è: Shelly EM

Altri componenti di questo tipo:


Questa pagina è redatta, manutenuta e aggiornata dallo staff di inDomus, un gruppo di persone molto diverse tra loro che trovi, per domande e supporto, sul forum e sulla chat del sito. Alcuni link sono taggati in qualità di affiliati Amazon e riceviamo un compenso dagli acquisti idonei, utile al sostenimento del sito, ma le nostre recensioni sono tutte indipendenti e non sponsorizzate. Se ti sei perso, a tua disposizione c'è la mappa.