Cos’è (e a cosa serve) un attuatore “a contatto pulito” in domotica

3 minuti di lettura

Il “contatto pulito”, in domotica, è uno dei capisaldi (al pari dell’infrarosso, o della radiofrequenza) per riuscire, spesso e volentieri, a domotizzare elettrodomestici, componenti, impianti, elementi vari che, per natura, non sarebbero domotici.

Ma cosa sono di preciso un contatto pulito e un attuatore a contatto pulito?

Cercheremo di spiegarlo con parole il più semplice possibile; non ce ne vogliano gli esperti di elettrotecnica, i quali troveranno questa scheda forse banale, ma speriamo illuminante per chi è a secco di determinate nozioni.

PULIZIA ELETTRICA

Se tra due poli che tra loro presentino una differenza di potenziale elettrico (misurabile in volt) si applica un carico (eg. una lampadina), la corrente comincerà a circolare nel circuito; in caso la corrente sia continua i due poli saranno positivo e negativo, mentre in caso di corrente alternata (la 220v di casa) saranno tipicamente una fase e un neutro.

Un attuatore domotico di tipo “interruttore intelligente“, tipo il Sonoff Basic, presenta in ingresso due poli fase/neutro e in uscita altrettanti poli, sempre fase/neutro. Quando lo azioniamo, esso “eroga” la tensione ai capi in uscita, pertanto se ai poli è collegata per esempio una lampadina, essa ovviamente si accenderà.

Sonoff SV

Un “contatto pulito” non è altro che un polo che non presenta alcuna differenza di potenziale elettrico nei confronti di un secondo polo solitamente chiamato “comune”. Tale contatto si usa, in coppia al suo “comune”, per comandare le più disparate funzioni dei più disparati componenti elettronici.

Il contatto pulito può essere di entrata o di uscita; inoltre può essere normalmente aperto (NO) o normalmente chiuso (NC).

Chiariamo tramite un semplice esempio.

Molte caldaie per il riscaldamento autonomo sono dotate, per comandare l’accensione, di un “contatto pulito in entrata normalmente aperto“. Questo significa che tali caldaie presentano due poli i quali, quando si vuole che la caldaia produca calore, devono essere cortocircuitati tra loro. In caso di un “contatto pulito in entrata normalmente chiuso“, per produrre calore i due poli dovrebbero essere disconnessi tra di loro.

Un classico termostato dotato di “contatto pulito in uscitaserve proprio a questo, ovvero a comandare una caldaia controllata tramite “contatto pulito in entrata“: esso cortocircuita o disconnette i due poli in base alla temperatura rilevata nell’ambiente e alla propria programmazione. In sostanza un termostato non è altro che una specie di interruttore che cortocircuita o disconnette due poli privi di tensione tra loro.

ATTUATORI DOMOTICI

Abbiamo detto che il Sonoff Basic è un attuatore in grado di erogare a comando una tensione ai poli d’uscita. Come però è noto, il Sonoff Basic si presta a una modifica fisica la quale permette di far sì che l’attuatore si trasformi e diventi un attuatore a contatto pulito in uscita, ovvero collegando (alle sue uscite) i due poli a contatto pulito (in entrata) di un dispositivo qualunque, è in grado di cortocircuitarli / disconnetterli a comando senza introdurre alcuna tensione propria, scaturendo quindi nell’azione prevista.
Connesso al posto di uno dei termostati di cui sopra, può farne le veci (abbiamo approfondito questo ragionamento in questo progetto).

Senza bisogno di modificare alcunché, il Sonoff 4ch PRO offre di fabbrica questa funzionalità: dispone infatti di quattro uscite a contatto pulito tali da comandare altrettante entrate a contatto pulito.

L’importanza in domotica

ITEAD Sonoff 4ch PRO connessione contatto pulito
un esempio con Sonoff 4ch PRO

Dato che un attuatore domotico a contatto pulito in uscita di fatto è assimilabile a un interruttore meccanico / a un pulsante (il pulsante alla fine altro non è che un interruttore meccanico incapace di rimanere attivo quando lo si rilascia), va da sé qualsiasi elettrodomestico o componente che presenti uno o più contatti puliti in entrata per controllarne le funzioni possa venire “domotizzato” tramite tale tipologia di attuatori.

Il tasto di accensione della lavatrice, per esempio, rappresenta un’entrata a contatto pulito: se al suo posto (ai suoi capi) collego le uscite di un attuatore a contatto pulito, allora potrò controllarne l’accensione tramite domotica.

Analogamente, i tasti di un telecomando sono anch’esse assimilabili a entrate a contatto pulito: nel momento in cui le collego alle uscite a contatto pulito di un attuatore, posso “premere i tasti” comandandone le rispettive funzioni dalla domotica(vedi progetto di approfondimento).

Il ventaglio di possibilità che ci apre l’esistenza degli attuatori a contatto pulito in uscita è ampissimo: cancelli, elettropompe, sistemi di allarme, telecomandi e molto, moltissimo altro: tutti componenti controllabili via domotica tramite contatto pulito.


ATTENZIONE: ricorda l'esistenza del nostro community FORUM per qualsiasi dubbio, domanda, informazione nel merito specifico dei contenuti di questa pagina e molto altro.


Please comment below