Condizionatori e Media Player: SmartIR, nuovo custom component per Broadlink su Home Assistant

2 minuti di lettura
IMPORTANTE NOVITÀ

– Vassilis Panos, lo sviluppatore ellenico già autore dei popolarissimi custom component “Broadlink IR Climate/Media Player/Fan” riprogetta il proprio codice e sforna due componenti nuovi di zecca, battezzati per l’occasione col nome (generico) “SmartIR“.

SmartIR Climate

La prima declinazione del componente, “SmartIR Climate“, è dedicata (come suggerisce il nome) alla definizione di entità di tipo “Climate” le quali, analogamente al componente che lo ha preceduto, vengano controllate tramite l’invio di codici infrarossi. In sostanza è possibile domotizzare presso Home Assistant condizionatori/climatizzatori/inverter tradizionali semplicemente grazie l’adozione di questo componente gratuito e del cucciolo della famiglia di attuatori Broadlink, l’RM Mini 3 (o modelli superiori).

Le differenze rispetto al componente legacy sono:

  • la presenza di un parametro presso il quale indicare un eventuale sensore binario che fornisca lo stato (acceso/spento) dell’unità,. Un’ottima notizia: sarà finalmente possibile, usando  sensori di assorbimento (tipo il POW), ottenere quantomeno lo stato di accensione aggiornato real-time anche quando l’unità viene comandata manualmente da telecomando (eg. il condizionatore viene acceso, il sensore rileva l’assorbimento elettrico e comunica al componente presso Home Assistant lo stato “acceso”);
  • la configurazione non prevede più la puntualizzazione delle funzioni e caratteristiche (temperatura min e max, velocità delle ventole ecc.): tali dettagli sono spostati nel file di configurazione del dispositivo, il quale diventa un file in notazione JSON;
  • l’adozione dello stato “acceso/spento” (al netto della modalità), il quale da oggi è attuabile tramite smart speaker federato a Home Assistant (per esempio Alexa).

Data la variazione di tipologia dei file di configurazione relativi alle unità da integrare a Home Assistant, Vassilis ha messo a disposizione un semplice ma potente TOOL di migrazione (per Windows) il quale permette di “convertire” i vecchi file di configurazione nel nuovo formato; tale TOOL permette anche di inviare automaticamente (previa autorizzazione esplicita dell’utente) i propri codici infrarossi allo sviluppatore, il quale li metterà man mano a disposizione della community.
Un po’ come facciamo noi col nostro archivio.

Ovviamente – in caso si parta da zero – è sempre possibile configurare il/i proprio/i file di configurazione partendo dalla cattura dei codici dei propri telecomandi.

Per “SmartIR” abbiamo messo a disposizione la versione rivista del nostro progetto di implementazione.

 

SmartIR Media Player

La declinazione “SmartIR Media Player” ha le stesse caratteristiche del “Climate“, ma ovviamente è dedicata al controllo di device multimediali quali TV, impianti Hi-Fi, decoder ecc.
Media Player” presenta le medesime novità del “Climate“; a differenza di quest’ultimo, non dispone però (per il momento) un TOOL di migrazione dei codici provenienti dalla “vecchia versione”. C’è però da dire che lo schema JSON da valorizzare coi propri codici è sufficientemente banale da poter esser effettuato a mano.

I più attenti avranno notato l’assenza all’appello della declinazione “Fan” (ventilatore) del componente, ma niente paura: Vassilis ci ha confermato che anch’esso verrà rilasciato nelle prossime settimane.
UPDATE: è stato rilasciato.


I nostri progetti/guide relativi alle declinazioni legacy sono tutt’ora valide e funzionanti, e non vi è alcun obbligo alla migrazione; ovviamente la funzione più interessante, ovvero lo stato d’accensione delle entità, è motivo più che valido per migrare a questa nuova versione.


Home Assistant Official LogoATTENZIONE: ricorda che sul nostro community FORUM c'è una sezione ad hoc dedica a Home Assistant, per qualsiasi dubbio, domanda, informazione nel merito specifico di queste componenti.


Please comment below