Broadlink RM Mini 3

Produttore: ITEAD
Categoria: attuatore
Tipologia: interruttore intelligente
Costo medio: circa 20 euro
Revisione scheda: 2.1
UN INFRAROSSO PER DOMARLI TUTTI

– Saltiamo alle conclusioni: il Broadlink RM Mini 3 è uno degli attuatori immancabili – in assoluto – nella propria domotica personale.

Si tratta infatti di un componente tanto banale quanto geniale: è un piccolo cilindro di plastica nera (quattro centimetri di diametro per cinque di altezza), alimentato via USB, comandato tramite Wi-Fi e capace di inviare raggi infrarossi. Detta così parrebbe una banalità, ma in tale affermazione si nasconde il valore enorme di questo piccolo, geniale oggetto.

Broadlink RM Mini 3Domanda: cos’hanno (spesso) in comune TV, impianti Hi-Fi, condizionatori, ventilatori, decoder satellitari, termoventilatori da bagno, ionizzatori, diffusori di essenze e chi più ne ha più ne metta? Il telecomando, solitamente a raggi infrarossi.

Ogni telecomando a infrarossi possiede la capacità di inviare dei segnali luminosi (in uno spettro non percepibile dall’occhio umano) contenenti dei codici, specifici per ogni funzione, in grado di innescare delle specifiche azioni da parte dell’elettrodomestico controllato. L’esempio più classico è quello del telecomando della TV: la pressione del tasto “1” invia un determinato codice, “2” un altro e così via.

Il Broadlink RM Mini 3 è in pratica in grado di “apprendere” i codici dei telecomandi e provvedere a inviarli al loro posto.
Ma perché questo “impersonare” più telecomandi sarebbe così geniale?

È tutta una questione di compatibilità e integrabilità domotica.

Compatibilità

Anche in assenza di una domotica personale strutturata, il grado di compatibilità offerto dal Broadlink RM Mini 3 è tale da renderlo, già di per sé, utilissimo.

ll dispositivo infatti è di base compatibile con la propria applicazione mobile “Intelligent Home Center” (per Android e per Apple iOS) la quale permette di configurare (uno o più) Broadlink RM Mini 3 sulla propria Wi-Fi domestica, dopodiché essa diventa il “ponte di comando” per acquisire i codici dei propri telecomandi e, successivamente, inviarli. In sostanza il proprio cellulare/tablet diventa un unico telecomando virtuale contenente la rappresentazione logica di tutti i propri telecomandi.

Al di là della semplice sostituzione del telecomandi, una delle funzioni più interessanti è quella di poter definire delle “scene, ovvero delle sequenze di comandi, anche composta di comandi da diversi telecomandi. Mettiamo per esempio che si possegga un impianto audio multicanale col quale si ascolta la televisione: solitamente la procedura per far ciò sarebbe quella di accendere la tv, azzerare il volume, accendere l’impianto, infine selezionare la sorgente audio. Due telecomandi, quattro azioni. Tramite il Broadlink RM Mini 3, una volta configurati i due telecomandi sull’applicazione “IHC”, basterà definire una scena ad hoc che effettui queste sequenze per noi. A questo punto sarà sufficiente premere una volta il tasto dedicato alla scena per eseguire questa sequenza in modo automatico. Ovviamente, il campo di applicabilità delle scene è vastissimo.

Interessante anche la possibilità – sempre tramite l’app “Intelligent Home Center” – di controllare i nostri elettrodomestici anche da fuori casa. L’app infatti sfrutta il cloud del produttore per riuscire a contattare, da remoto, il nostro/i Broadlink RM Mini 3.

Broadlink RM Mini 3 non è compatibile con Apple HomeKit (ma la soluzione esiste, ne parliamo dopo) né Google Home (Assistant) (per quanto, per quest’ultimo, esistono degli escamotage). Per Amazon Echo (Alexa) è invece disponibile una skill di controllo utile a pilotare il comportamento del componente tramite gli speaker intelligenti di Amazon: è possibile quindi chiedere ad Alexa di accedere la tv, regolare il condizionatore e così via.

Broadlink RM Mini 3 è anche supportato da IFTTT.

Integrabilità domotica

Ottima la compatibilità, ma è Il grado di integrabilità domotica a farci definire geniale questo piccolo ed economico dispositivo.

Una volta “fatto entrare” nella propria Wi-Fi, il Broadlink RM Mini 3 può sì essere controllato tramite la propria app mobile, ma può diventare il vero e proprio “braccio armato” della nostra domotica personale basata su HUB personali.Broadlink RM Mini 3 inclinato

Home Assistant è ampiamente supportato. La piattaforma “Broadlink RM Switch” è la base che ci permette di inviare codici infrarossi arbitrari tramite il dispositivo; esistono poi componenti specifici come il “Broadlink IR Climate Component” il quale permette di definire in configurazione delle unità clima (condizionatori, inverter, climatizzazioni) che vengano poi controllati tramite infrarossi: in pratica questo ci permette di domotizzare unità di condizionamento tradizionali. Un altro componente ad hoc ci permette di domotizzare analogamente anche TV, sistemi Hi-Fi ecc.

Homebridge non è certo da meno: il plugin “homebridge-homebridge-rm” permette di creare ogni tipo di accessorio domotico previsto nell’ecosistema Apple HomeKit il quale poi, a cascata, utilizzi il Broadlink RM Mini 3 per controllare elettrodomestici. Su inDomos abbiamo dedicato dei progetti dedicati alla domotizzazione di condizionatori tradizionali, oppure a quella di strisce LED per l’illuminazione, di termoventilatori da bagno (e non), e altro. Ovviamente, la compatibilità indotta dall’uso tramite Homebridge abilita anche il funzionamento tramite Siri.

OpenHAB e Domoticz non sono da meno: anche questi HUB personali presentano un ampio grado di compatibilità, motivato alla fine dal fatto che il Broadlink RM Mini 3 è sostanzialmente un attuatore tecnicamente banale da comandare via Wi-Fi, pertanto una volta configurato è virtualmente controllabile da qualunque HUB personale.

Specifiche

Il Broadlink RM Mini 3 si alimenta a 5 volt tramite cavo USB standard (quindi può essere collegato a qualsiasi porta USB) e consuma praticamente nulla, sotto il watt. Si collega a reti Wi-Fi (2.4GHz b/g/n).

Il Broadlink RM Mini 3 lavora entro i 12 metri di distanza del dispositivo da controllare. Possono convivere, all’interno della stessa Wifi, diversi esemplari contemporaneamente, così da controllare più dispositivi in stanza diverse.

All’interno, il Broadlink RM Mini 3 appare così (si notino i sette LED infrarossi di ricezione/invio segnali posti sulla sommità dell’unità):

Broadlink RM Mini 3 teardownIl Broadlink RM Mini 3 è il fratello minore del Broadlink RM Pro/Pro+ (RM3), il quale è in grado di ricevere/inviare anche segnali in radiofrequenza (comodo per controllare cancelli, varchi ecc.).

Nella medesima Wi-Fi possono convivere più Broadlink, i quali a loro volta possono controllare teoricamente illimitati dispositivi (l’importante è che siano “a vista” ed entro 12 metri massimo).

Valutazione

Valutazione di dettaglio:

Qualità costruttiva
Funzionalità
Uso: qualità ed esperienza
Compatibilità
Integrabilità domotica
Prezzo
Media
Il Broadlink RM Mini 3 è la chiave per riuscire a rendere domotici molti degli elettrodomestici nativamente non domotici.

Quello che forse è l’uso più diffuso è quello legato al controllo dei condizionatori: riuscire a controllare – anche da remoto – i nostri dispositivi clima è un grande passo avanti, anche e sopratutto nell’uso con gli HUB personali.

Inoltre, l’app “Intelligent Home Center” è compatibile anche con il multi-sensore Broadlink A1 e-Air, il quale permette di definire delle scene di controllo a partire dalla rilevazione termica (eg. “in caso la temperatura domestica superi i 25 gradi, accendi il condizionatore“).

Broadlink RM Mini 3 ci piace tantissimo perché costa un niente e permette, letteralmente, di fare magie sia dentro che fuori la nostra domotica personale.

🔻 Clicca QUI per commentare l'articolo. 🔻