Broadlink RM Pro/Pro+ (RM3)

5 minuti di lettura
ProduttoreBroadlink
Categoria: attuatore
Tipologia: ricevitore/trasmettitore di segnali infrarossi e radiofrequenza
Costo medio: circa 40 euro
Revisione scheda: 1.4
Broadlink RM Pro
BROADLINK RM PRO/PRO+

Il Broadlink RM Pro è un dispositivo Wi-Fi concepito espressamente per ricevere ed inviare codici tramite segnali infrarossi e in radiofrequenza. Si sostituisce, in pratica, a qualsiasi telecomando infrarosso (nella banda dei 38K – in pratica tutti) e/o qualsiasi telecomando in radiofrequenza (433 mhz ma anche 315 mhz, nel caso del modello Pro+) a codice fisso.

De facto si tratta il fratello maggiore del Broadlink RM Mini 3, modello in grado di inviare e ricevere “solo” codici infrarossi.

In grado di collegarsi alla nostra Wifi (2.4GHz b/g/n), l’RM Mini Pro/Pro+ si gestisce tramite la propria app dedicata (“Broadlink e-Control”, disponibile sia per Android e per Apple iOS) la quale a sua volta ci permette di controllare tutti i dispositivi normalmente comandati, come dicevamo, tramite telecomandi infrarosso/radiofrequenza (a patto che rientrino dei parametri operativi sopra descritti).

In sostanza il Broadlink RM Pro/Pro+ è un dispositivo utile per sostituire i telecomandi che usiamo quotidianamente, facendoli convergere all’interno dell’app “Broadlink e-Control” sotto forma di “telecomandi virtuali”: dopo aver effettuato l’iniziale procedura di pairing tra l’app e il dispositivo sarà infatti possibile “copiare” i codici dei vari telecomandi all’interno dell’app, definendo sull’interfaccia i corrispettivi telecomandi virtuali a partire da quelli in possesso.

Al di là della semplice sostituzione del telecomandi, una delle funzioni più interessanti è quella di poter definire delle “scene, ovvero delle sequenze di comandi, anche composta di comandi da diversi telecomandi. Mettiamo per esempio che si possegga un impianto audio multicanale col quale si ascolta la televisione: solitamente la procedura per far ciò sarebbe quella di accendere la tv, azzerare il volume, accendere l’impianto, infine selezionare la sorgente audio. Due telecomandi, quattro azioni. Con Broadlink RM Pro/Pro+, una volta configurati i due telecomandi sull’applicazione “e-Control”, basterà definire una scena ad hoc che effettui queste sequenze per noi. A questo punto sarà sufficiente premere una volta il tasto dedicato alla scena per eseguire questa sequenza in modo automatico. Ovviamente, il campo di applicabilità delle scene è vastissimo.

Il Broadlink RM Mini 3 lavora entro i 12 metri di distanza del dispositivo da controllare via infrarosso, mentre il limite di trasmissione in radiofrequenza è limitato dalla tipologia di ambiente (presenza di ostacoli, muri, ecc). Possono convivere, all’interno della stessa Wifi, diversi esemplari contemporaneamente, così da controllare più dispositivi in stanza diverse, specialmente in caso di uso con infrarossi.

Broadlink RM Pro/Pro+ dettaglio interno
un dettaglio del “cuore” del dispositivo, con i 7 led di trasmissione IR in vista

Chiarezza sui modelli

Il Broadlink RM ha subito vari aggiornamenti nel tempo. Il primo modello, l’RM1, fuori produzione da molto, aveva la stessa forma dell’attuale, ma la base in plastica era rossa, quindi era facilmente distinguibile:

Broadlink RM Home (RM1)
Il Broadlink RM Home (RM1)

Dall’RM2 (2015) in poi le fattezze del dispositivo hanno assunto quelle attuali.
La riconoscibilità viene dall’etichetta posta sotto il dispositivo:

Sopra, a sinistra, l’etichetta posta sui dispositivi RM2; a destra, quella dell’RM3 (modello riconoscibile anche dai primi tre caratteri del serial number, ovvero “RM3”.

La differenza si nota anche aprendo il dispositivo:

Interno Broadlink RM2 - RM3

Il modello a sinistra è il più recente, ovvero l’RM3; a destra, la versione più vecchia RM2.

Infine, differentemente da quanto si dice in giro, nessuno degli RMx possiede un sensore termico utilizzabile in domotica.

RM3?? E il Pro e il Pro+?

Il Broadlink RM3 è di fatto il Broadlink RM Pro/Pro+. Sono infatti la stessa cosa.

Allora qual è la differenza tra l’RM Pro e l’RM Pro+?

Anche in questo caso si tratta sempre di un Broadlink RM3, la differenza (l’unica) tra il Pro e il Pro+ sta nel fatto che quest’ultimo oltre a supportare la frequenza radiofrequenza a 433mhz supporta anche la frequenza 315mhz. In buona sostanza, la Pro+ è una versione leggermente rivista rispetto alla Pro, la quale comunque ancora si trova sul mercato.

Compatibilità

In termini di compatibilità, il Broadlink RM Pro/Pro+ è un dispositivo molto interessante.

Nativamente offre piena compatibilità con Google Home e Amazon Alexa il che permette quindi di controllare i telecomandi attraverso comandi vocali. Interessante inoltre la presenza di compatibilità col servizio IFTTT, il che permette di eseguire azioni, scene, singoli comandi attraverso automazioni configurate con questo servizio.

La compatibilità col multisensore Broadlink A1 e-Air permette inoltre di configurare, tramite l’app “Broadlink e-Control” (che in questo scenario funge da HUB), scene multi-dispositivo del tipo “se la temperatura sale sopra i 30 gradi” (informazione proveniente dal sensore termico dell’A1) “allora accendi il climatizzatore” (tramite comando infrarosso dell’RM Pro/Pro+).

È inoltre possibile controllare il Broadlink RM Pro/Pro+ tramite la nota applicazione IHC (Intelligent Home Center) per Android e iOS.

Nessuna compatibilità (diretta) nei confronti di Apple HomeKit è dichiarata dal produttore.

AmbitoCompatibilitàNote
App per smartphone/tablet✔️Intelligent Home Center” (per Android e per OS) e “Broadlink e-Control” (per Android e iOS)
Google Home – Assistant✖️
Amazon Echo – Alexa✔️
Apple HomeKit✖️Ottenibile tramite integrazione domotica (vedi paragrafo seguente)
IFTTT✔️

Integrabilità domotica

Il Broadlink RM Pro/Pro+ presenta un livello di integrabilità domotica elevatissimo.

Sul fronte Home Assistant sono disponibili vari componenti per gestire il Broadlink RM Pro/Pro+, tra i quali “Broadlink” e “SmartIR“, anch’essi protagonisti di svariati progetti qui su inDomus.

Sul fronte Homebridge (per ottenere indiretta compatibilità con Apple HomeKit) è disponibile lo splendido plugin “homebridge-broadlink-rm“, eroico protagonista di molti progetti anche qui su inDomus.

Anche per openHAB sono disponibili degli add-on dedicati, così come per Domoticz.

Homey, l’HUB personale hardware per definizione, non è da meno: dispone di un’app di integrazione per controllare questo attuatore.

HUBIntegrabilitàNote
Home Assistant✔️Perfetta sopratutto quando gestita tramite componente “SmartIR
Homebridge (Apple HomeKit)✔️Molto versatile grazie all’uso del plug-in “homebridge-homebridge-rm
openHAB✔️
Domoticz✔️
Homey✔️

Su inDomus è disponibile ARCHIVIO COLLABORATIVO contenente i codici sin qui raccolti dagli utenti della community, pronti all’uso, per l’integrazione rapida e diretta presso HUB personali sopracitati dei dei telecomandi più disparati.

Giudizio finale

Valutazione di dettaglio:

Qualità costruttiva
Funzionalità
Uso: qualità ed esperienza
Compatibilità
Integrabilità domotica
Prezzo
Media
I dispositivi Broadlink ci piacciono molto perché costano poco e permettono di integrare in domotica innumerevoli dispositivi che nativamente non sarebbero “intelligenti”.

Cancelli, Televisioni, decoder, ventilatori e climatizzatori: la lista di dispositivi che magicamente possono diventare pienamente domotici – quindi automatizzabili e controllabili da remoto, oltre che di persona – è lunghissima.

Il Broadlink RM Pro/Pro+ ci piace ancor di più del fratello minore Broadlink RM Mini 3 (che già di per sé ci piace un mondo) perché riesce a gestire anche dispositivi comandati tramite radiofrequenza.

Broadlink RM Pro/Pro+, uno degli strumenti più completi per rendere domotico ciò che non lo è.

Insostituibile.

Esempi d’uso

Al pari del fratellino minore (il Broadlink RM Mini 3), l’RM Pro+ è una celebrità. Di seguito alcuni dei nostri progetti basati du questo piccolo geniale attuatore infrarosso/radiofrequenza:

Domotica, il fascino discreto dell’infrarosso

🔻 Clicca QUI per commentare l'articolo. 🔻