Qubino Mini Dimmer

5 minuti di lettura
●  Resta aggiornato con il nostro canale e con la nostra newsletter settimanale!  ●
Produttore: Qubino
Categoria: Attuatore
Tipologia: Interruttore intelligente / dimmer / misuratore
Tecnologia: Z-Wave Plus
Difficoltà d’installazione: Media
Semplicità d’uso: Alta
Disponibilità: E-Commerce
Revisione recensione: 1.1

Qubino Mini Dimmer - package

 

PICCOLO E ADATTABILE

Qubino, brand emergente di base in Slovenia, presenta una soluzione estremamente interessante in un settore ad oggi già abbastanza affollato, quello degli interruttori intelligenti.

Il Qubino Mini Dimmer è un’unità dalle dimensioni contenutissime (il produttore lo pubblicizza come “il più piccolo della sua tipologia”) utile per domotizzare dei punti luce (di diversa tipologia, come vedremo) non sono in termini di accensione e spegnimento, ma anche di regolazione di intensità luminosa. Basato su tecnologia Z-Wave Plus (S2), prevede per l’uso la presenza di un BRIDGE/Gateway che supporti tale standard.

Caratteristiche

In primis, la cosa che da subito ci ha colpiti sono le dimensioni: si tratta di un’unità davvero tra le più piccole che ci siamo trovati a testare: soli 38×33,5×15,5mm, davvero pochissimi millimetri per un’unità così completa ed intelligente. Il Sonoff Mini, per capirci, appare visibilmente più grande, per quanto anch’esso sia un’unità molto piccola (ma certamente non altrettanto funzionale).
Dimensioni così contente gli permettono di essere ospitato praticamente in qualunque scatola muraria.

Sonoff Mini vs Qubino Mini Dimmer
A sinistra il Sonoff Mini, a destra Qubino Mini Dimmer.

Qubino Mini Dimmer è, come suggerisce il nome, un regolatore di intensità per punti luce a singolo canale; è basato su tecnologia Z-Wave (Plus), quindi è chiaramente indirizzato a coloro che utilizzino (o abbiano in mente di farlo) una domotica personale in grado di comunicare con i componenti (solo o anche) tramite questo standard.

Particolarmente interessante è la possibilità (rara) di essere installato su impianti a sola interruzione di fase, o “punto luce interrotto“. In molti impianti (specialmente quelli vecchi) i punti luce sono realizzati in questo modo: l’interruttore a muro interrompe la sola fase, col risultato che nella scatola murale si trova appunto solo il cavo di fase non accompagnato dal neutro. Questo impedisce la domotizzazione dei punti luce di questo tipo con attuatori tradizionali (come per esempio il già citato Sonoff Mini), i quali per funzionare necessitano sia della fase sia del neutro.

Qubino Mini Dimmer - montaggio normale o a punto luce interrotto

Oltre alle funzionalità di accensione/spegnimento, come detto l’unità è in grado di fornire anche la regolazione d’intensità (per funzionare, la lampada applicata dev’essere regolabile) nonché il livello di assorbimento istantaneo in Watt del carico ad essa applicato.

Interessante, inoltre, la grande varietà di tipologie di punti luce supportati:

  • incandescenza tradizionale, fino a 200W;
  • alogena, fino a 200W;
  • LED, fino a 150W;
  • catene LED, fino a 150W;
  • lampade a fluorescenza.

Il massimo carico supportato è di 0,85A a 240V. Estremamente contenuto il consumo operativo dell’unità stessa: solo 0,4W. Trattandosi di un componente Z-Wave alimentato a rete, funge anche da ripetitore di segnale per tale rete mesh.

L’unità presenta dei LED colorati sul retro per agevolare l’installazione, una piccola antenna a filo che fuoriesce dalla sua conchiglia protettiva in plastica e, infine, un pulsante per effettuare il pairing con la propria rete Z-Wave.

Installazione

Qubino Mini Dimmer si monta facilmente (si consiglia sempre e comunque l’intervento di un elettricista professionista): le sue dimensioni, come detto, gli permettono di essere ospitato in qualunque scatola, pertanto il montaggio (tradizionale o a punto luce interrotto) può essere attuato in pochi istanti e con grande semplicità. Il manuale è, ovviamente, di grande supporto.

Terminata l’installazione è sufficiente attivare il proprio BRIDGE/Gateway (o l’HUB personale che lo comanda) in modalità di pairing per aggiungere velocemente l’attuatore alla lista di entità disponibili.

Compatibilità

Come per qualsiasi componente basato su protocollo Z-Wave, l’analisi in termini di compatibilità va effettuata in relazione non tanto della compatibilità diretta che il componente offre (fisiologicamente nulla) quanto a quella indirettamente garantita dalla domotica personale presso la quale la rete Z-Wave – sulla quale viene attestato il componente – è gestita.

Se consideriamo – come troviamo sia giusto fare in questi casi – la compatibilità possibile integrando il componente a un HUB personale (come approfondito nel paragrafo a seguire), allora tale compatibilità è massima, in quanto l’adozione di HUB personali fornisce compatibilità a tutti gli smart speaker, ad Apple HomeKit a IFTTT e molto altro ancora.

N.b. inDomus ha testato l’attuatore per oltre un mese in condizioni d’uso reale in abbinamento a un BRIDGE/Gateway Z-Wave↔︎TCP/IP Aeotec Z-Stick Gen5. Durante i test non è stato rilevato alcun malfunzionamento né perdita di connessione (ma ci saremmo stupiti del contrario).

Integrabilità domotica

È sul fronte integrazione dove Qubino Mini Dimmer dà il meglio di sé.

HOME ASSISTANT

Qubino Mini Dimmer non ha problemi con Home Assistant: in presenza di una rete Z-Wave configurata con tale HUB è necessario cliccare su “ADD NODE” e subito dopo accendere l’unità: dopo pochi istanti, viene creata un’unità di tipo “Light” come da esempio:

Qubino Mini Dimmer - integrazione Home Assistant

Affinché però l’integrazione funzioni appieno – in attesa che Home Assistant adotti OZW 1.6 – bisogna applicare un workaround come questo.

Come si nota, l’entità presenta lo switch di accensione/spegnimento nonché il dimmer di regolazione di intensità luminosa. Tra gli attributi spicca la voce “power comsumption“, ovvero l’assorbimento istantaneo rilevato (nell’esempio, zero).

N.b. I test effettuati da inDomus sono stati effettuati tramite rete Z-Wave basata su BRIDGE/Gateway Z-Wave↔︎TCP/IP Aeotec Z-Stick Gen5 e gestita da Home Assistant. Nello scenario testato, i tempi di risposta dell’attuatore e delle azioni associare sono stati pressoché istantanei.
HOMEY

Homey è un HUB personale hardware dotato di antenna Z-Wave, la quale consente di gestire reti di questo tipo: va da sé che sia in grado di integrare componenti Z-Wave generiche; nello specifico, è disponibile un’app di integrazione specifica, la quale consente l’integrazione piena di tutte le funzioni dell’attuatore.

HOMEBRIDGE

Homebridge, BRIDGE software per rendere compatibili con Apple HomeKit dispositivi non nativamente compatibili con tale standard, non pare esser dotato di un plugin tale da gestire direttamente una rete Z-Wave: è infatti più naturale immaginare la disponibilità di un plugin che permetta a Homebridge di dialogare con altri HUB in grado di gestire il componente. È il caso – ed è solo un esempio – del plugin “homebridge-zway”, il quale consente di collegare Homebridge con un’istanza del server Z-Way, componente software che permette di gestire in toto una rete Z-Wave a partire da antenne USB o similari (eg. Aeotec Z-Stick).

In pratica:

  • si installa Z-Way;
  • si configura su di esso un’antenna Z-Wave (eg. Aeotec Z-Stick) e di conseguenza si definisce la propria rete Z-Wave;
  • si fa entrare l’Qubino Mini Dimmer nella rete Z-Wave appena definita;
  • si collega Homebridge a Z-Way tramite “homebridge-zway”;
  • a questo punto l’app “Casa” vedrà l’accessorio come interruttore/dimmer.

A logica funziona, ma ha più senso gestire direttamente la rete Z-Wave da un HUB come Home Assistant o Homey e poi tramite essi “esporre” le entità Z-Wave ad Apple HomeKit.

ALTRI HUB

Qubino Mini Dimmer è altamente integrabile, così come illustra questo elenco prodotto direttamente da Qubino.

Valutazione

Qualità costruttiva
Funzionalità
Uso: qualità ed esperienza
Integrabilità domotica
Prezzo
Media

Qubino Mini Dimmer - BoAMini Dimmer è il primo componente Qubino che testiamo, e non possiamo certo dirci delusi. Partiamo però dalla nota dolente: il prezzo. Oltre 50 euro per un attuatore/dim a singolo canale non è certamente a buon mercato; a suo favore però giocano le dimensioni davvero contenute, la possibilità (non da poco) di installarlo su punto luce interrotto, l’affidabilità dello standard Z-Wave Plus (S2, quindi piuttosto sicuro), la possibilità di regolare tipologie di lampade molto diverse tra loro, la misurazione istantanea di carico.

Insomma: un attuatore ben costruito e dall’ampia rosa di caratteristiche, affidabile e certamente consigliabile. Sempre si utilizzi una rete Z-Wave e si sia disposti a sborsare la cifra necessaria all’acquisto.

Qubino Mini Dimmer - Installation Guidelines