EUROTRONIC Testa Termostatica Spirit ZigBee

7 minuti di lettura
Produttore: EUROTRONIC GmbH
Categoria: Attuatore
Tipologia: Testa termostatica
Tecnologia: ZigBee
Difficoltà d’installazione: Bassa
Semplicità d’uso: Media
Disponibilità: Amazon
Revisione recensione: 1.0

EUROTRONIC Spirit ZigBee

GEMELLE DIVERSE

Dopo la versione Z-Wave, recensita nelle scorse settimane, oggetto di recensione è questa volta la gemella in standard ZigBee: è la EUROTRONIC Spirit ZigBee, testa termostatica domotica dedicata alla regolazione di radiatori per il riscaldamento domestico.

Come noto – ne parliamo anche in questo OPEN BOARD – l’adozione di valvole (o teste) termostatiche più o meno automatiche al posto di quelle totalmente manuali (le “manopole” da termosifone di ultima generazione) rappresenta un notevole vantaggio in termini di gestione del calore e di risparmio.

Trattandosi di un attuatore ZigBee senza un proprio BRIDGE/Gateway proprietario, EUROTRONIC Spirit ZigBee non dispone di una propria app di controllo/gestione/programmazione, ma dev’essere necessariamente integrato ai propri HUB personali tramite tecniche che vedremo in dettaglio. Come vedremo, questa caratteristica per alcuni è uno svantaggio mentre, per altri, rappresenta un grado di libertà affatto secondario.

Caratteristiche

Spirit ZigBee è un attuatore dalle dimensioni di 5,6 x 6,8 x 8,9 cm che ben si adatta, grazie all’attacco standard M-30 nonché agli adattatori presenti nella confezione, al posto delle classiche valvole termostatiche di regolazione. L’involucro dell’unità è in policarbonato bianco, molto compatto; il peso non eccessivo (meno di due etti) conferisce comunque una discreta percezione di compattezza. Sulla parte anteriore è presente un tappo che, quando rimosso, svela il vano batterie (2 batterie AA da 1,5volt).

La parte posteriore, invece, presenta una vite da avvitare al posto sulla sede della valvola termostatica tradizionale che l’unità andrà a sostituire (in un metallo un po’ tenero a dirla tutta); al centro è ben visibile un tappo grigio di plastica che nasconde l’asse motorizzato che provvede alla spinta dell’ago di regolazione della valvola presente sul radiatore.

EUROTRONIC Spirit ZigBee - posteriore
il retro.

Sulla parte anteriore è posizionato un piccolo display a cristalli liquidi (peccato non sia a matrice di punti) il quale permette all’utente di configurare la testa e, durante l’uso normale, visualizzare la temperatura target (o set-point) impostata, il display è retroilluminato (si accende da sé) di una tenue luce arancione. Sulla parte più esterna, superiore, sono presenti tre tasti meccanici utili alla prima configurazione e poi alla regolazione manuale della temperatura durante il normale esercizio (escursione di 25 gradi, da 5 a 30).

EUROTRONIC Spirit ZigBee

Installazione

L’installazione è piuttosto semplice, sempre che si possegga un minimo di manualità.

La procedura da manuale indica, prima del montaggio, di includere la testa nella propria rete mesh ZigBee: è sufficiente impostare il proprio HUB in modalità di pairing e, successivamente, accendere l’unità inserendo le batterie (il display riporta “Jin”, ovvero “Joining”), premere poi il tasto centrale presente sull’unità per far sì che venga aggiunto alla rete. Conclusa questa procedura il display riporta “Ins”, ovvero indica di montare la testa sul radiatore.

La testa si monta su una filettatura standard M30 da 1,5mm di passo, sostituendola a quella pre-esistente sul termosifone. Nella confezione sono presenti degli adattatori che le permettono di essere installata praticamente su qualsiasi valvola; noi abbiamo testato l’unità su una valvola “Crbm” la quale non ha previsto l’adozione di adattatori.

EUROTRONIC Spirit ZigBee - montaggio

Una volta montata l’unità, è sufficiente premere nuovamente il tasto centrale affinché la testa provveda a calibrarsi rispetto all’ago della valvola di regolazione: per qualche secondo l’unità produce un rumore che indica l’avvio del motorino i regolazione. Al termine della procedura, sul display viene visualizzata la temperatura set point di regolazione della valvola, la quale è pronta all’uso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Adattatori:

Per montare sulle seguenti valvole
NON serve adattatore da acquistare separatamente
Valvole per le quali serve adattatore da acquistare separatamente
  • Heimeier
  • Junkers Landy + Gyr
  • MNG
  • Honeywell
  • Braukmann (M30 x 1.5mm)
  • Danfoss RAV, Danfoss RA e Danfoss RAVL
  • Herz M28 x 1,5 mm
  • Comap M28 x 1,5 mm
  • Vaillant 30,5 mm
  • Oventrop M30 x 1,0 mm
  • Meges M38 x 1,5 mm
  • Ondal M38 x 1,5 mm
  • Giacomini 22,6 mm
  • Rossweiner M33 x 2,0 mm
  • Markaryd M28 x 1,0 mm
  • Ista M32 x 1,0 mm
  • Vama M28 x 1,0 mm
  • Pettinaroli M28 x 1,5 mm
  • T+A M28 x 1,5 mm
  • Gampper 1/2/6.

Pianificazione

Ciò che distingue una testa termostatica tradizionale da una domotica è certamente la possibilità di pianificarne il comportamento rispetto alle temperature desiderate (e quindi la regolazione del radiatore), al giorno della settimana e agli orari.

Purtroppo questa testa, sebbene domotica a tutti gli effetti, non prevede una pre-programmazione: l’unico modo di comandarla è utilizzando la propria domotica (quindi, tramite programmazioni definite presso l’HUB personale) oppure, manualmente, utilizzando i tasti presenti sull’unità. È questa una differenza sostanziale rispetto ad altre soluzioni (vedi le Tado°) che, indipendentemente dalla propria domotica personale e dalle regolazione manuali, possono essere pianificate in modo da operare indipendentemente sulla base di pianificazioni specifiche.

Esperienza d’uso

Abbiamo provato la testa su un radiatore classico. Che la temperatura sia impostata via hub personale o manualmente, la regolazione è rapida e proporzionale alla “distanza” tra la temperatura ambientale rilevata dalla testa: maggiore è questo delta, maggiore è l’apertura della valvola di regolazione. Abbiamo appurato che, esattamente come per la sua gemella, oltre i due gradi di delta, la testa apre la valvola al 100%, per andare poi a ridurre gradualmente man mano che ci si avvicina al set point di temperatura scelto. È infatti possibile sentire il motorino avviarsi durante il periodo di attività della testa.

Abbiamo provato la testa su un radiatore classico. Che la temperatura sia impostata via ZigBee (quindi via HUB personale) o manualmente, la regolazione è rapida e proporzionale alla “distanza” tra la temperatura ambientale rilevata dalla testa: maggiore è questo delta, maggiore è l’apertura della valvola di regolazione. Abbiamo appurato che oltre i due gradi di delta, la testa apre la valvola al 100%, per andare poi a ridurre gradualmente man mano che ci si avvicina al set point di temperatura scelto. Capirlo è facile: durante la regolazione, il rumore del motorino di regolazione è percepibile.

Certo: talvolta risulta essere un filo rumoroso (ma solo quando ascoltato in pieno silenzio), specialmente quando l’ago di regolazione è piuttosto duro; per il resto, l’esperienza si è rivelata sicuramente all’altezza. Per capirci, montata in ambienti “silenziosi” (quali ad esempio una camera da letto) non producono comunque un rumore eccessivo tale da svegliare le persone presenti nella stanza.

La regolazione effettuata via HUB può essere scavalcata in qualunque momento con la semplice regolazione manuale (i tasti “+” e “-” presenti sull’unità); ovviamente tale regolazione manuale è visualizzata anche come stato presso l’HUB.

Utile, infine, la funzionalità “child protection”, ovvero la possibilità di bloccare la regolazione manuale in modo da impedire ai bambini (e non…) di giocarci e quindi variare la programmazione. Tale modalità si attiva e disattiva facilmente premendo i tasti “+” e “-“ contemporaneamente per tre secondi.

Compatibilità

Il grado di compatibilità della testa Spirit ZigBee è, molto semplicemente, nullo.
Il perché è facile da capire: offrendo sola connettività di tipo ZigBee e non facendo parte di una linea prodotti dotata di BRIDGE/Gateway – e quindi non disponendo di un’app di controllo dedicata, il componente non è (almeno direttamente) compatibile con nulla: né i più comuni smart speaker, né IFTTT, né men che meno Apple HomeKit.

Ma è ovvio che sia così: ciò su cui punta un attuatore di questo tipo è l’integrabilità domotica.

Integrabilità domotica

In termini di integrabilità domotica, la testa EUROTRONIC Spirit ZigBee è adeguatamente predisposta all’uso con HUB personali.

HOME ASSISTANT

Con Home Assistant gestire una rete ZigBee è piuttosto semplice; una volta definita tale rete (per esempio zigbee2mqtt via CC2531) aggiungere uno nodo come questo componente è immediato. L’integrazione dà origine a una serie di entità:

Home Assistant - EUROTRONIC Spirit ZigBee - Entità
entità censite via zigbee2mqtt.

le quali possono essere utilizzate sia in consultazione presso il frontend Lovelace UI che in automazione.
Ovviamente la più interessante, tra le entità generate, è quella di tipo “Climate” che consente, per l’appunto, consultazione e piena gestione della testa:

Home Assistant - EUROTRONIC Spirit ZigBee - Entità Climate

 

Presso l’entità “Climate” è disponibile sia un attributo relativo alla temperatura dell’ambiente, che dota indirettamente l’utente di un sensore termico ambientale collocato nella stanza in cui è collocata la testa, utile per gli usi più disparati (vedi per esempio il progetto per la prevenzione delle muffe).

N.b. I test inDomus sono stati effettuati tramite rete ZigBee basata su BRIDGE/Gateway ZigBee↔︎MQTT zigbee2mqtt/CC2531 e gestita da Home Assistant.
HOMEY

Homey è un HUB personale hardware dotato di antenna ZigBee, la quale consente di gestire reti di questo tipo. Nello specifico però non abbiamo trovato un’app specifica presso lo store software Athom al quale attinge Homey, quindi non siamo stati in grado di realizzare l’integrazione.

openHAB e Domoticz

Anche openHAB e Domoticz, come Home Assistant, supportano nativamente la gestione di reti ZigBee, pertanto anche con questi HUB è possibile integrare l’attuatore, anche se non abbiamo avuto modo di testarlo.

HOMEBRIDGE

Homebridge, BRIDGE software per rendere compatibili con Apple HomeKit dispositivi non nativamente compatibili con tale standard, dispone di un plugin specifico (“homebridge-zigbee“) per la gestione di reti mesh ZigBee basate su dongle CC2531. Tramite tale plugin siamo riusciti a integrare la testa con Homebridge, di conseguenza fornirle compatibilità con lo standard Apple.

HUBIntegrabilitàNote
Home Assistant✔️Pieno supporto al sensore tramite le funzionalità ZigBee integrate nell’HUB e un’antenna compatibile installata sul computer sul quale è in esecuzione l’HUB.
Homebridge (Apple HomeKit)✔️Pieno supporto a reti e dispositivi ZigBee tramite e relativo plugin di integrazione
openHAB✔️*Pieno supporto a reti e dispositivi Zigbee.
Domoticz✔️*Pieno supporto a reti e dispositivi Zigbee.
Homey✖️*Solitamente, pieno supporto all’attuatore tramite le funzionalità Zigbee integrate nell’HUB. App per l’integrazione però non individuata.

*Non testato/verificato.

Valutazione

Valutazione di dettaglio:
Qualità costruttiva
Funzionalità
Uso: qualità ed esperienza
Compatibilità
Integrabilità
Prezzo
Media

EUROTRONIC Spirit ZigBee - BoAInsomma. La qualità costruttiva non è male sebbene non si parli del massimo disponibile sul mercato. La testa si è comportata piuttosto bene durante tutto il periodo di utilizzo (un mese): non ci sono mai stati problemi di pairing o di indisponibilità presso l’HUB al quale è stata integrata. Sicuramente è un dispositivo che si può serenamente adottare in pianta stabile, a patto di riuscire a colmare alcune grandi carenze che nascono dall’assenza di una app ufficiale (e di un BRIDGE/Gateway) o di un qualunque supporto di pianificazione nativo del fornitore. Quel che ci piace certamente poco è infatti la totale assenza di funzioni di pianificazione (cosa che, paradossalmente, possiede la ben più semplice EUROTRONIC Genius LCD 100) ma, sopratutto, l’impossibilità di procedere all’installazione senza farla necessariamente entrare nella propria rete ZigBee: un limite che, in un futuro, potrebbe inibire la possibilità di utilizzare la testa nella sola modalità puramente manuale, in caso si sia dismessa, appunto, la propria rete ZigBee (aspetto non secondario anche in termini di rivendibilità sul mercato dell’usato).

Esattamente come per la versione Z-Wave, EUROTRONIC Spirit ZigBee è comunque un buon prodotto, indubbiamente ben costruito e anche abbastanza piacevole sul piano estetico; con Home Assistant funziona piuttosto bene il che, per una gran parte di lettori, è certamente una notizia interessante. La collocazione di prezzo, alla luce di quanto sopra espresso, pare forse un pelo troppo alto.


OPEN BOARD: Tattiche e strategie domotiche per la gestione del riscaldamento ⛄️