Integrare una testa termostatica Eqiva eQ-3 Bluetooth a Home Assistant

3 minuti di lettura
SCOPI DELLA GUIDA
CONCETTI AFFRONTATI:
  • Utilizzo e configurazione software
COMPONENTI SOFTWARE UTILIZZATE:
PREREQUISITI
DISPOSITIVI FISICI UTILIZZATI:
GUIDA maggiormente indicatA per:

Tutti gli ambienti

Note e disclaimer
  • qualsiasi modifica all'impianto elettrico dev'essere effettuata da personale qualificato;
  • qualsiasi modifica attuata in proprio è a propria responsabilità personale nonché a proprio rischio e pericolo (la presente guida ha puro scopo didattico);
  • qualsiasi modifica attuata in proprio a un dispositivo ne fa decadere la garanzia.
Revisione guida: 2.1

Abstract

Le “Eqiva eQ-3 Bluetooth” sono teste termostatiche per la regolazione domotica dei termosifoni dotate, per l’interfacciamento, di supporto bluetooth. Molto economiche, risultano essere altrettanto efficaci nella loro operatività: già di per sé funzionali se controllate tramite la loro app dedicata fornita dal produttore, danno il loro meglio se integrate alla propria domotica personale basata su Home Assistant.

A tale scopo, il noto HUB personale mette a disposizione una piattaforma ad hoc chiamata “EQ3 Bluetooth Smart Thermostats“.

Indirizzo MAC

Per integrare la/le testa/e, è necessario scoprire l’indirizzo MAC bluetooth dell’attuatore/i.
Per scoprire tale indirizzo, è necessario – prima di cercarlo – provvedere alla completa configurazione della testa (sia montaggio che prima configurazione tramite app).

Fatto ciò si utilizzerà un tool software per effettuare uno scan dell’ambiente alla ricerca del MAC address della testa che ci interessa.

RASPBIAN/LINUX

In caso si usi Raspbian su Raspberry e/o Linux è possibile utilizzare il tool hcitool.

In caso non lo si possegga, installarlo tramite i seguenti comandi:

sudo apt-get install bluetooth bluez bluez-tools rfkill rfcomm libglib2.0-dev
sudo systemctl start bluetooth.service
sudo systemctl enable bluetooth.service

Ciò fatto, il comando per effettuare lo scan è il seguente:

sudo hcitool lescan

il quale dovrebbe ritornare un output di questo tipo:

LE Scan ...
38:01:95:84:A8:B1 (unknown)
00:1A:22:0A:91:CF (unknown)
00:1A:22:0A:91:CF CC-RT-BLE

Solitamente i MAC address delle teste Eqiva cominciano con “00:1A:22…“, e comunque sono riconosciute dal tool con l’etichetta “C-RT-BLE

In caso il comando non sia disponibile, provvedere all’installazione con:

sudo apt install expect

e riprovare il comando di scan.

Una volta trovato l’indirizzo MAC, testare che risponda in modo corretto tramite il comando:

eq3cli --mac0 0:1A:22:XX:XX:XX

dove “00:1A:22:XX:XX:XX” è il MAC address trovato con lo scan.
La risposta dovrebbe essere analoga a quella che segue:

[00:1A:22:XX:XX:XX] Target 17.0 (mode: auto dst, away: no)
Locked: False
Batter low: False
Window open: False
Boost: False
Current target temp: 21.0
Current mode: auto dst
Valve: 0
WINDOWS e MAC

Gli utenti Windows e/o Mac possono utilizzare questa guida.

Integrazione

A questo punto è possibile configurare l’integrazione tra la piattaforma eQ-3 e Home Assistant.
La configurazione base della piattaforma presso il file configuration.yaml è piuttosto semplice.

Sarà infatti sufficiente inserire un’entry di questo tipo:

# Esempio di configurazione
climate:
  - platform: eq3btsmart
    devices:
      termosifone_bagno:
        mac: '00:11:22:33:44:55'
      termosifone_sala:
        mac: '11:22:33:44:55:66'

Provvedere ora al riavvio di Home Assistant.

Nel caso dell’esempio sopra, la configurazione genererà due entità di tipo Climate così chiamate:

  • climate.termosifone_bagno
  • climate.termosifone_sala

N.b. il corretto funzionamento della piattaforma è subordinato alla raggiungibilità radio dell’attuatore da parte dell’antenna Bluetooth del computer sul quale è in esecuzione Home Assistant.

Rappresentazione e servizi

L’entità di tipo “Climate” verrà rappresentata come un qualunque termostato integrato a Home Assistant:

Home Assistant - EQ3 Bluetooth Smart Thermostats

Unico handicap di questa piattaforma (la quale, per il resto, funzione egregiamente) è l’assenza della rilevazione della temperatura nel quale è calata la testa/e: il parametro fornito a Home Assistant corrisponde al valore di temperatura target in uso. Non si tratta di un limite della piattaforma, è proprio un limite hardware dell’attuatore.

LOVELACE

La rinnovata interfaccia Home Assistant (“Lovelace“) introdotta come standard dalla versione 0.86.x prevede una “card” apposita per i sistemi clima. Configurando l’entità “Climate” associata a una testa eQ-3, l’aspetto grafico apparirà come segue:

Home Assistant eQ-3 Lovelace

Servizi

Per quanto riguarda i servizi (utilizzabili anche in ambito automazione) è sufficiente far riferimento alla lista di quelli relativi al componente padre della piattaforma, ovvero “Climate“.


Home Assistant Official LogoATTENZIONE: ricorda che sul nostro community FORUM c'è una sezione ad hoc dedica a Home Assistant, per qualsiasi dubbio, domanda, informazione nel merito specifico di queste componenti.


Please comment below