Suona la sveglia in casa ITEAD: ecco Sonoff DUAL R3, il suo primo (vero) attuatore da scatola murale

2 minuti di lettura

Mentre i competitor (uno su tutti, Allterco con la sua linea Shelly “Home Automation Systems”) non hanno perso un minuto in questi ultimi 12-18 mesi, ITEAD con la sua linea domotica Sonoff Smart Home sembra aver battuto un po’ la fiacca: d’accordo i nuovi componenti basati su ZigBee (alla fine “semplici” reingegnerizzazioni di prodotti già visti e rivisti), ma niente all’orizzonte che lasciasse neanche lontanamente sperare gli estimatori del marchio rispetto a nuovi prodotti dalle caratteristiche ormai da troppo tempo colmate da altri.

Una su tutti? La miniaturizzazione che renda gli attuatori di casa ITEAD adatti al montaggio (reale, non come nel caso del Sonoff Mini) in scatola muraria, dotandoli possibilmente di contatti per la connessione esterna di pulsanti e interruttori murali. Sì, come fanno gli Shelly.

Finalmente, con un colpo di coda sul finire di questo assurdo 2020, ITEAD presenta un po’ in sordina – ma in modo ufficiale – il suo nuovo attuatore Sonoff DUAL R3, revisione del già noto Sonoff Dual (sarebbe stato intelligente cambiargli nome, data la natura del componente, ma tant’è), il quale viene concepito espressamente con le caratteristiche sopra citate.

ITEAD Sonoff Dual R3
il nuovo attuatore ITEAD.

Analogamente al diretto avversario, lo Shelly 2.5, l’attuatore sembra essere concepito sia per la gestione di tapparelle elettriche sia per la gestione di due punti luce/utenze autonomi.

Le caratteristiche del Sonoff DUAL R3 (disponibile a breve) dovrebbero essere le seguenti:

  • attuatore doppio canale Wi-Fi. (b/g/n 2.4 GHz); 
  • gestione interbloccata (via firmware) delle tapparelle elettriche;
  • misurazione realtime dell’assorbimento sui due canali;
  • controllo eterno tramite pulsanti/interruttori fisici;
  • certificazione TÜV e CE;
  • protezione automatica contro i sovraccarichi;
  • temporizzatori e controllo remoto;
  • carico complessivo massimo 15 Ampere (3500 Watt circa);
  • carico massimo per canale 10 Ampere (2300 Watt circa);
  • controllo tramite app mobile eWeLink (sigh).

Se un problema esiste (ma ovviamente si tratta, al momento, di congetture) sta nell’ecosistema di gestione, ovvero il sopracitato eWeLink: tutti sappiamo che, per quanto ben costruiti, per dare il meglio gli ITEAD Sonoff necessitano quasi obbligatoriamente di una sostituzione del firmware, con i firmware Open Source Tasmota e ESPHome in prima linea.

Perché? Banalmente, per l’assenza (che invece Shelly non ha) del supporto allo standard MQTT, il quale consente a chiunque di integrare gli attuatori nella propria domotica personale senza necessariamente dover passare dal cloud ITEAD. Ma è solo uno dei punti: i firmware alternativi offrono molto più spazio di configurazione, cosa che eWeLink – ad oggi – non garantisce. Tra le varie cose che ancora non sappiamo è se Sonoff Dual R3 sia effettivamente basato su SOC ESP8266/ESP32 come i fratelli o meno, il che non ci permette di ipotizzare l’adozione di firmware alternativi come quelli sopracitati. C’è però da ben sperare che sia così.

Bene quindi il nuovo prodotto e bene da parte di ITEAD della volontà di colmare un palese vuoto in termini di dimensioni e funzionalità: la debolezza però permane ancora legata all’ecosistema di controllo eWeLink per i motivi sopra elencati; la speranza è ovviamente quella di poter cambiare opinione molto a breve, con una sostanziale revisione dei firmware di fabbrica e dell’app mobile.

Maggiori info sul sito ITEAD.

ITEAD Sonoff Dual R3 - Package

   
Telegram News Channel