community italiana di domotica personale
 
Installare e configurare Home Assistant Core con Docker su QNAP (via Container Station)

Installare e configurare Home Assistant Core con Docker su QNAP (via Container Station)

Amazon - Promozioni del giorno  
SCOPI DELLA GUIDA:
CONCETTI AFFRONTATI:
  • installazione e configurazione software
COMPONENTI SOFTWARE UTILIZZATE:
PREREQUISITI:
DISPOSITIVI FISICI UTILIZZATI:
GUIDA INDICATA PER:

QNAP

NOTE E DISCLAIMER
  • qualsiasi eventuale modifica agli impianti domestici dev'essere progettata ed realizzata SOLO da personale qualificato;
  • qualsiasi modifica non prevista attuata in proprio è a propria responsabilità personale nonché a proprio rischio e pericolo (i contenuti della presenta pagina hanno infatti puro scopo didattico) e fa decadere garanzia, omologazioni e certificazioni di qualità; dei dispositivi interessati;
  • tutte le tecniche descritte si intendono applicate a software e firmware aggiornati alle ultime versioni disponibili;
  • questa pagina è materialmente scritta e manutenuta da più individui: non ci si aspetti né si pretenda un supporto personale. In presenza di difficoltà, chiedere supporto alla community sul nostro forum o sulla nostra chat.
Revisione guida: 1.1

Home Assistant Core + Docker

😊  QUESTA GUIDA È PARTE DEL NOSTRO PERCORSO GUIDATO ALL’INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE di HOME ASSISTANT su QNAP.

Abstract

Come spiegato in altre schede, Home Assistant è il uno tra gli HUB personali gratuiti ideali per realizzare una propria domotica personale in modo organico e funzionale. Questo cruciale componente software ha la possibilità di essere installato su molti sistemi e in modalità diverse.

In questa guida ci concentriamo sulla possibilità di installare Home Assistant Core su una NAS del brand QNAP come container eseguito in modo isolato tramite Docker. Sebbene esistano altre modalità (per esempio creare un computer virtuale tramite Virtualization Station sul quale poi installare Home Assistant nei modi più disparati), questa è quella che garantisce massime prestazioni e facilità di gestione, oltre a un minimo dispendio di energie.

Procedimento

Assunti

Questa guida è dedicata a chi abbia già un QNAP in uso.

Si assume che il sistema operativo del QNAP sia aggiornato, così come le componenti Docker, File Station e Container Station che andremo ad utilizzare; è necessario che QNAP sia ovviamente collegato in rete e che la rete gli consenta libero accesso alla rete Internet. Altra assunzione è la presenza di almeno un hard disk presente nella NAS correttamente configurato.

Per istanziare il container docker di Home Assistant Core utilizzeremo l’interfaccia Container Station di QNAP, mentre utilizzeremo File Station per indicare alla NAS dove salvare i file di configurazione e di storage dell’HUB.

File Station

Primo passo da eseguire è quello di definire un percorso presso lo storage nel quale salvare i file operativi di Home Assistant.

Dall’interfaccia web della NAS QNAP avviamo quindi l’applicazione File Station.
Selezionare il volume prescelto per ospitare i file di Home Assistant (nel nostro caso “Volume1“) cliccando sui tre puntini in alto a destra, selezionando poi “Crea cartella condivisione“:

QNAP - FileStation - Creazione Path inDomus - 1

Nel nostro caso abbiamo deciso di creare una directory principale (“domotica-indomus“) nella quale posizionare tutte le sotto-directory relative ai progetti dedicati alla domotica. Gli altri parametri possono esser lasciati così come sono, di default:

QNAP - FileStation - Creazione Path inDomus - 2

Creare quindi una sotto-directory dedicata a Home Assistant. Per farlo, cliccare sull’icona della cartella con il “+” selezionando poi “Cartella/e“:

QNAP - FileStation - Creazione Path inDomus - Creazione sottocartella

Chiamiamola, con poca fantasia, “homeassistant“:

QNAP - FileStation - Creazione Path Home Assistant

A questo punto siamo pronti a istanziare il container di Home Assistant tramite Container Station.

Istanziare Home Assistant

In questo passaggio – cardinale – si andrà a istanziare Home Assistant come container Docker presso Container Station: dall’interfaccia web della NAS QNAP avviare quindi tale applicazione.

Cercare quindi “homeassistant” nell’elenco delle immagini disponibili (consultate da QNAP su Internet) selezionando come fonte “Docker Hub“.

N.b. Non non si utilizzi l’immagine sotto la sorgente “IoT” perché l’immagine non è quella presidiata e aggiornata.

QNAP - FileStation - Home Assistant Docker - 1

Cliccando quindi su “Installa” verrà mostrato un menu a tendina da cui scegliere la versione da utilizzare.
Selezioniamo la “Stable“:

QNAP - FileStation - Home Assistant Docker - 2

Apparirà un warning relativo alla fonte dell’immagine. Non preoccuparsene e andare avanti.

QNAP - FileStation - Home Assistant Docker - 3

Nella schermata successiva si attribuirà un nome al container:

QNAP - FileStation - Home Assistant Docker - 4

Si seleziona quindi “Impostazioni avanzate” > “Rete“. Qui consigliamo di utilizzare network host quale configurazione di rete. Con una diversa configurazione non potremo sfruttare l’autodiscovery di Home Assistant per le integrazioni.

QNAP - FileStation - Home Assistant Docker - 5

Portandosi poi alla voce “Cartelle Condivise“, andrà selezionato:

1) a sinistra, la directory di configurazione dell’host da utilizzare per la configurazione (definita in precedenza):

QNAP - FileStation - Home Assistant Docker - 6

2) a destra, la directory di configurazione di HA prevista nella configurazione dell’immagine Docker di Home Assistant Core, ovvero “/config” assicurandosi di fornire permessi di lettura e scrittura:

QNAP - FileStation - Home Assistant Docker - 7

Infine, cliccare su “Crea“: verrà mostrato il riepilogo della configurazione.

QNAP - FileStation - Home Assistant Docker - 8

Premendo su “OK” verrà avviata la creazione del container e, dopo qualche momento, si completerà positivamente.


Una volta completato il processo, cliccando sulla voce “Panoramica” del menù si potrà apprezzare l’esistenza del nuovo container Home Assistant. L’interfaccia ci permetterà, alla bisogna, di riavviare, fermare, eliminare o modificare il container:

QNAP - FileStation - Home Assistant Docker - 9

Cliccando invece sul nome del container sarà possibile consultarne i dettagli, tra i quali l’utilizzo della rete e gli importantissimi log:

QNAP - FileStation - Home Assistant Docker - 10

Cliccando su “Terminale” sarà possibile eseguire dei comandi all’interno del container; per esempio, indicando come comando “sh” si aprirà la console:

QNAP - FileStation - Home Assitant Docker - Console

Che ci permetterà, se ne avremo bisogno, di interagire direttamente con il container. Con “exit” usciremo dalla console.

Primo accesso su Home Assistant

Ora il container Docker appena installato avvierà la fase automatica di prima installazione interna di Home Assistant Core, la quale impiegherà qualche minuto (anche una ventina). La procedura iniziale sarà di fatto completa quando ci si riuscirà a collegare, tramite il proprio browser sul computer di appoggio, al seguente indirizzo:

http://homeassistant.local:8123

N.b. In caso non ci si riesca a collegare, assicurarsi che sul proprio router sia attivo il multicast DNS (mDNS). Se non lo è, la risoluzione del nome “homeassistant.local” non va a buon fine e il browser non riesce a collegarsi: la soluzione, per l’appunto, è quella di attivare il multicast (che provvede a questa cosa). Alternativamente è comunque sempre possibile collegarsi all’indirizzo diretto, ovvero http://INDIRIZZO_IP_DEL_QNAP:8123, dove l’indirizzo IP è quello assegnato dal router al NAS.

Dovrebbe quindi apparire un sito analogo a questo:

Home Assistant - Onboarding
 
Il quale consente di impostare le prime, elementari e personali informazioni di “onboarding” relative alla propria domotica.

Complimenti! Home Assistant è in esecuzione. Ora non resta che provvedere all’onboarding dell ‘HUB.

Aggiornamento

Tutte le modalità di aggiornamento per Home Assistant Core sono riassunte su questa scheda ad hoc:

Utilità: come aggiornare Home Assistant

⚠️ Se di Home Assistant ne sai poco ma sei interessato a capirne di più, ti suggeriamo di partire da qui.

Questa pagina è redatta, manutenuta e aggiornata dallo staff di inDomus, un gruppo di persone molto diverse tra loro che trovi, per domande e supporto, sul forum e sulla chat del sito. Se ti sei perso, a tua disposizione c'è la mappa.
Telegram News Channel