Installare TasmoAdmin su Raspberry Pi e gestire in modo centralizzato Sonoff-Tasmota

3 minuti di lettura
Scopi della guida
  • Installare e configurare TasmoAdmin su Raspberry Pi (Raspbian) e dotarsi così di un’intefaccia centralizzata per gestire componenti domotiche Sonoff in modo centralizzato
  • Livello di difficoltà: medio/basso
Concetti affrontati:
  • installazione e configurazione software
Componenti software utilizzate:
Prerequisiti
  • Rete Wifi connessa ad Internet
  • Raspberry Pi configurato e funzionante con Raspbian
Dispositivi fisici utilizzati:
GUIDA maggiormente indicatA per:

Tutti gli ambienti

Note e disclaimer
  • qualsiasi modifica all'impianto elettrico dev'essere effettuata da personale qualificato;
  • qualsiasi modifica attuata in proprio è a propria responsabilità personale nonché a proprio rischio e pericolo (la presente guida ha puro scopo didattico);
  • qualsiasi modifica attuata in proprio a un dispositivo ne fa decadere la garanzia.
Revisione guida: 1.1

Abstract

TasmoAdmin è un tool web estremamente utile ai possessori di componenti domotici della famiglia ITEAD Sonoff Smart Home che siano stati aggiornati a firmware Sonoff-Tasmota.

Questo strumento di gestione permette di amministrare tutti i componenti presenti nella propria rete in un’unica dashboard; una delle funzionalità amministrative più apprezzate è quella di permetterci l’aggiornamento di firmware su tutti o parte dei dispositivi in un’unica azione.

Nb. Questa guida vale allo stessa modalità e negli stessi comandi per Ubuntu Server 16.04.

Tutti i comandi vengono eseguiti da terminale.

N.b. Gli utenti Home Assistant in distribuzione HASSIO – non potendo installare TasmoAdmin come da presente guida – hanno a disposizione l’applicativo come plug-in stand-alone.

Installazione dei pacchetti necessari

Per funzionare, TasmoAdmin necessita di Apache2, PHP, Curl e altri moduli. Per installarli, eseguire in un unica soluzione il seguente blocco di comandi:

sudo apt-get update && \
sudo apt-get install \
apache2 \
php \
libapache2-mod-php \
php7.0-curl \
php7.0-zip \
git \
vim

TasmoAdmin

Clonare ora TasmoAdmin dal proprio repository GitHub tramite il comando:

sudo git clone https://github.com/reloxx13/TasmoAdmin.git /var/www/tasmoadmin

Cambiare l’ownership della cartella:

sudo chown -R www-data:www-data /var/www/tasmoadmin

Impostare i diritti di lettura/scrittura:

sudo chmod 777 /var/www/tasmoadmin/tasmoadmin/tmp && sudo chmod 777 /var/www/tasmoadmin/tasmoadmin/data

Disabilitare la OPcache:

sudo rm /etc/php/7.0/apache2/conf.d/opcache.ini

Creare ora il file “tasmoadmin.conf“:

sudo nano /etc/apache2/sites-available/tasmoadmin.conf

e copiarvi all’interno il seguente testo:

<VirtualHost *:9999>
        ServerName tasmoadmin
        ServerAdmin webmaster@localhost
        DocumentRoot /var/www/tasmoadmin/tasmoadmin
        <Directory /var/www/tasmoadmin/tasmoadmin>
        AllowOverride All
        Order allow,deny
        allow from all
        </Directory>
        ErrorLog /var/log/apache2/error.log
        LogLevel warn
        CustomLog /var/log/apache2/access.log combined
        ServerSignature On
</VirtualHost>

Uscite salvando con CTRL+X / Y / invio.

Modificare ora il file “ports.conf” con il comando:

sudo nano /etc/apache2/ports.conf

integrandolo come segue:

# If you just change the port or add more ports here, you will likely also
# have to change the VirtualHost statement in
# /etc/apache2/sites-enabled/000-default.conf

Listen 9999

<IfModule ssl_module>
Listen 443
</IfModule>

<IfModule mod_gnutls.c>
Listen 443
</IfModule>

# vim: syntax=apache ts=4 sw=4 sts=4 sr noet

Uscite salvando con CTRL+X / Y / invio.

Avviate sito e mod:

sudo systemctl reload apache2
sudo a2ensite tasmoadmin
sudo a2enmod rewrite

Infine, riavviate Apache2:

sudo service apache2 restart

Se tutto sarà stato eseguito alla lettera, collegandosi all’indirizzo

http://ip-del-rapsberry:9999

(avendo cura di sostituire “ip-del-raspberry” con l’ip assegnato all’unità) dovrebbe apparire l’interfaccia di TasmoAdmin.

Utilizzo

Al primo accesso, TasmoAdmin chiede di creare un’utenza per l’accesso. Una volta eseguito, si accederà all’interfaccia di “AutoScan”, utile ad effettuare il discovery dei dispositivi Sonoff aggiornati Sonoff-Tasmota presenti nella propria rete:

TasmoAdmin Autoscan

dove:

From IPIndirizzo di partenza della subnet da analizzare (eg. x.x.x.1)
To IPIndirizzo di arrivo della subnet da analizzare (eg. x.x.x.254)
Device UsernameNome utente per l’accesso ai dispositivi Sonoff aggiornati Sonoff-Tasmota (dev’essere uguale per tutti)
Device PasswordPassword per l’accesso ai dispositivi Sonoff aggiornati Sonoff-Tasmota (dev’essere uguale per tutti)

Dopo aver configurato questi campi e aver cliccato “Start AutoScan“, il web tool provvederà a identificare tutti i componenti Sonoff rilevati. Al termine della procedura (potrebbe metterci qualche secondo) verrà visualizzata una lista completa; in fondo, cliccare su “Save“.

Ora la lista dei dispositivi sarà disponibile all’uso:

TasmoAdmin Lista device

Aggiornamento massivo firmware

A questo punto, quando se ne abbia bisogno, sarà possibile effettuare l’aggiornamento di massa dei Sonoff tramite questo comodissimo web tool.

Dopo aver compilato l’aggiornamento voluto (come spiegato nella nostra guida di programmazione Sonoff) nelle versioni MINIMAL e Full Firmware (quindi due file diversi), recarsi alla voce di menu “Devices/Update”:

TasmoAdmin interfaccia update

e compilare come segue:

OTA Server IPIndirizzo IP del Raspberry
OTA Server PortPorta 9999
MINIMAL FirmwareFile .bin del compilato MINIMAL del firmware Sonoff-Tasmota
Full FirmwareFile .bin del compilato completo del firmware Sonoff-Tasmota

Cliccare su “Next”. Apparirà ora la lista dei componenti, dalla quale scegliere quale dispositivo/quali dispositivi aggiornare:

TasmoAdmin Firmware Update Lista componenti

Selezionati uno o più componenti, cliccare su “Start Update“.

TasmoAdmin Firmware Update DONE

Il tool provvederà all’upload dei firmware e all’aggiornamento.
Attendere che appaia “Update done!” prima di chiudere la pagina.

Il vostri Sonoff saranno così aggiornati all’ultima versione (o quella che avrete scelto) di firmware.


ITEAD Sonoff BasicATTENZIONE: ricorda che sul nostro community FORUM c'è una sezione ad hoc dedica ai Sonoff (e più generalmente ai dispositivi ESP8266), per qualsiasi dubbio, domanda, informazione nel merito specifico di queste componenti.


Please comment below