community italiana di domotica personale
 
Istanziare una VM Linux Debian su Google Cloud Platform (GCP) per uso personale

Istanziare una VM Linux Debian su Google Cloud Platform (GCP) per uso personale

Scopi della guida:
  • Dotarsi di un server personale presso Google Cloud Platform (GPC)
  • Livello di difficoltà: bassa
  • Costo: in base alle risorse allocate
Concetti affrontati:
  • Configurazione software

 

 

Componenti software utilizzate:
Prerequisiti:
Dispositivi fisici utilizzati:
  • Un computer di appoggio dal quale collegarsi a GPC e al proprio server
GUIDA maggiormente indicatA per:

Tutti gli ambienti

NOTE E DISCLAIMER
  • qualsiasi eventuale modifica agli impianti domestici dev'essere progettata ed realizzata SOLO da personale qualificato;
  • qualsiasi modifica non prevista attuata in proprio è a propria responsabilità personale nonché a proprio rischio e pericolo (i contenuti della presenta pagina hanno infatti puro scopo didattico) e fa decadere garanzia, omologazioni e certificazioni di qualità; dei dispositivi interessati;
  • tutte le tecniche descritte si intendono applicate a software e firmware aggiornati alle ultime versioni disponibili;
  • questa pagina è materialmente scritta e manutenuta da più individui: non ci si aspetti né si pretenda un supporto personale. In presenza di difficoltà, chiedere supporto alla community sul nostro forum o sulla nostra chat.
Revisione guida: 1.1

Google Cloud Platform

Abstract

Possedere un proprio server personale su Internet, dislocato quindi al di fuori dalle proprie mura domestiche, può rappresentare un vantaggio laddove si vogliano implementare diverse funzioni personali. Trattandosi di un numero virtualmente infinito di funzioni, non staremo di certo ad elencarle tutte: si basti pensare a tale server come un oggetto intelligente in grado di ospitare contenuti e servizi. Il senso di questa guida, ovviamente, è l’interazione con altre già disponibili sul nostro sito.

Questa guida illustra all’utente come dotarsi di un server molto basilare basato su Linux Debian sul quale fare affidamento: a tal scopo utilizzeremo la piattaforma Google Cloud Platform (o GCP), un ambiente che consente di istanziare un server elementare gratuito o comunque particolarmente competitivo in termini di costo (approfondiremo nel corso della guida questi aspetti specifici).

Si parte

Account Google

Laddove non si possieda già un proprio account Google (contano ovviamente anche gli account GMail), l’utente è in grado di definirne uno tramite l’accesso al portale proposto. Per provvedere alla definizione di un server virtuale (o Virtual Machine, o VM), è infatti necessario associare a Google Cloud Platform (o GCP) tramite account personale.

Una volta definito tale account personale è possibile proseguire nella presente guida.

Account Google Cloud Platform

Ora è necessario associare il proprio account Google a un account specifico su Google Cloud Platform, inscrivendosi quindi al servizio. Per farlo, collegarsi al portale GCP, cliccare su “Inizia subito gratuitamente” e compilare i proprio dati:

Iscrizione a Google Cloud Platform

Dato che si tratta di un servizio a pagamento – per quanto noi cercheremo di sfruttarne le funzionalità gratuite – l’iscrizione a Google Cloud Platform richiede l’inserimento di una carta di pagamento elettronica, alla quale non verrà ovviamente addebitato alcun costo (salvo che non si attivino servizi a pagamento o non si superino le soglie previste dalla tariffazione, come spiegheremo più dettagliatamente più avanti).

FREE TRIAL / FREE TIER

Free Trial e Free Tier sono due cose molto diverse. Il primo è il periodo in cui Google Cloud Platform permette di provare alcune funzioni della piattaforma in modo gratuito, periodo il quale una volta trascorso dà luogo, in presenza di consumi, a fatturazione verso il cliente. Free Tier (“Livello gratuito”) invece è il segmento di risorse che si possono utilizzare gratuitamente “a prescindere“, che ci si trovi nel periodo gratuito Free Trial o quello successivo a pagamento.

NOTA IMPORTANTE.

Come si noterà a breve Google Cloud Platform, in fase di definizione del proprio server virtuale (Virtual Machine, o VM), indica il costo preventivato di tale risorsa. Tale costo mensile è dato da un insieme di valori: sito fisico di istanziamento, numero di CPU, quantità di memoria, traffico di rete e altro. A prescindere da quello ipotetico indicato dall’interfaccia, tale costo sarà sempre zero qualora si rimanga, in termini di assorbimento di risorse, all’interno dei limiti previsti dal Free Tier. Nello specifico, i limiti Free Tier relativi alle risorse computazionali (ovvero quelle che utilizzeremo in questa guida) sono elencati qui.

La presente guida fornisce indicazioni di massima allo scopo di rimanere nell’ambito del livello gratuito Free Tier, ma sarà sempre responsabilità dell’utente (come da contratto di servizio Google) verificare di rimanere entro tali limiti; comunque sia, GCP fornisce dei sistemi di notifica automatica, qualora tali limiti vengano superati (quindi prima di addebitare dei costi non voluti) e comunque, volendo, a propria tutela è anche possibile definire un budget massimale (voce”Fatturazione” > “Budget e avvisi“) da non superarsi qualora comunque l’utente sia sì disposto a spendere, ma non oltre determinate cifre.

Virtual Machine (VM)

Come detto, tramite Free Tier è possibile utilizzare alcuni servizi di GCP in maniera totalmente gratuita. Nel momento in cui stiamo scrivendo questa guida, è possibile creare gratuitamente una VM (un server) con caratteristiche prestazionali minime (ma questo poco ci importa visto lo scopo d’utilizzo) – sempre rimanendo nei “confini” del Free Tier, ben inteso.

Per creare la propria Virtual Machine (VM) è necessario, presso la Dashboard di GCP, cliccare alla voce “Computer Engine” e, se richiesto, attivare “Computer Engine API“: 

Google Cloud Platform - Computer Engine API

Una volta fatto apparirà la dashboard relativa a Computer Engine, la quale consentirà di creare la nostra prima VM cliccando su “Crea Instanza“:

Google Cloud Platform - Computer Engine - Crea Istanza

Quindi, cliccando su “Crea Istanza” è possibile configurare la propria Virtual Machine, o VM, ovvero il proprio server virtuale. Per rimanere entro i limiti del Free Tier relativi alle risorse computazionali (ancora una volta, il link è questo), la configurazione suggerita è:

  • Nome: quel che si preferisce;
  • Area geografica: una di quelle indicate per il Free Tier (eg. Oregon: us-west1);
  • Zona: una qualsiasi;
  • Configurazione macchina:
    • Famiglia di macchine: USO GENERICO;
    • Serie: E2;
    • Tipo di macchina: e2-micro;
    • Disco di avvio (entrare dentro il sotto-menu):
      • Immagine: Debian GNU/Linux
      • Tipo: Disco permanente standard
      • Dimensione: 10 GB
  • Firewall: Consenti traffico HTTPS;
  • Networking:
    • Tag di rete: indicarne uno proprio che identifichi la macchina (eg. “my-host“)

Infine, cliccare su “CREA” per creare e avviare la propria Virtual Machine. Al termine della procedura, la VM risulterà in esecuzione gli sarà stato attribuito un indirizzo IP Internet nonché uno locale relativo alla rete GCP.

Google Cloud Platform - Computer Engine - Dettagli Istanza

Cliccando su “SSH”, l’interfaccia offrirà varie soluzioni per collegarsi alla macchina virtuale; il più comodo è “Apri nella finestra del browser“, che consente di aprire una shell diretta senza necessità di ulteriori client di accesso.

Google Cloud Platform - Computer Engine - SSH

Congratulazioni, il vostro server personale è pronto.

Dicci la tua o poni la tua domanda nei commenti qui sotto!

Questa pagina è redatta, manutenuta e aggiornata dallo staff di inDomus, un gruppo di persone molto diverse tra loro che trovi, per domande e supporto, sul forum e sulla chat del sito. Se ti sei perso, a tua disposizione c'è la mappa.
Telegram News Channel