Integrare Google Home (Assistant) con Home Assistant (via cloud a pagamento)

4 minuti di lettura
Scopi della guida:
  • Integrare gratuitamente Google Home/Assistant (qualsiasi modello e/o declinazione software) a Home Assistant e controllare così, tramite comandi vocali, la propria domotica personale. Metodo alternativo al servizio GCP (più complesso)
  • Livello di difficoltà: basso
Concetti affrontati:
  • Configurazione software
Componenti software utilizzate:
Prerequisiti:
Dispositivi fisici utilizzati:
  • Il computer sul quale è in esecuzione Home Assistant
  • Smartphone e/o tablet sul quale eseguire l’app “Google Home” (Android e/o iOS)
  • Google Home/Assistant (qualsiasi modello di smart speaker o applicazione software che utilizzi Google Assistant come software integrato)
GUIDA maggiormente indicatA per:

Tutti gli ambienti

Note e disclaimer
  • qualsiasi modifica all'impianto elettrico dev'essere effettuata da personale qualificato;
  • qualsiasi modifica attuata in proprio è a propria responsabilità personale nonché a proprio rischio e pericolo (la presente guida ha puro scopo didattico);
  • qualsiasi modifica attuata in proprio a un dispositivo ne fa decadere la garanzia.
Revisione guida: 1.1

Google Home - Home Assistant

Abstract

L’avvento sul mercato degli smart speaker sta lentamente cambiando le abitudini di molti che, quotidianamente, prendono dimestichezza e familiarità con la possibilità di interagire con un vero e proprio assistente personale usando semplicemente voce e linguaggio naturale.

Google Home è uno dei device di più ampio e riconosciuto successo. Come abbiamo spiegato tale smart speaker per funzionare utilizza il software Google Assistant, il quale è disponibile, anche per smart speaker prodotti da terze parti, oltre che come applicazione stand-alone per smartphone/tablet Android e iOS.

Qualunque smart speaker che utilizzi Google Assistant può esser facilmente integrato con Home Assistant. Ma perché, dato che molte componenti domotiche dichiarano compatibilità con Google Home – e quindi possono essere controllate “di fabbrica” – è utile integrarle con quest’ultimo tramite Home Assistant? [Prima di rispondere alla domanda, chi legge abbia chiaro il concetto di compatibilità in domotica.]

Semplice: perché tramite un HUB personale come Home Assistant siamo in grado di definire scenari, accessori virtuali, automazioni non definibili altrimenti con l’uso separato delle singoli componenti. Come spiegato anche in un episodio del nostro podcast, scenari come “buonanotte” (il quale magari quando evocato spenga tutte le luci, la tv, e attivi l’allarme perimetrale) semplicemente non possono essere realizzati senza l’ausilio di una piattaforma comune, ovvero un HUB personale.

Nel momento in cui si integra tale HUB personale (quindi Home Assistant nel caso specifico di questa guida) con Google Home, si potranno controllare tutti i componenti e le entità – quali scenari (ed altro) – in esso definiti tramite il mio assistente personale. Uno dei tanti motivi per adottare un HUB personale per la propria domotica.

Gli elementi (definiti domini) definiti in configurazione Home Assistant e controllabili tramite integrazione con Google Assistant (Google Home e speaker compatibili) sono:

  • group (gruppi) – accensione/spegnimento
  • input boolean (input booleani) – accensione/spegnimento
  • scene – solo accensione
  • script – solo accensione/attivazione
  • switch (interruttori) – accensione/spegnimento
  • fan (ventilatori) – accensione/spegnimento
  • light (luci) – accensione, spegnimento, luminosità, colore RGB, temperatura luce
  • cover (scuri) – accensione, spegnimento, posizione della copertura (tramite “set brightness”)
  • media_player (riproduttori multimediali) – accensione, spegnimento, volume (tramite “set brightness”)
  • climate (climatizzatori e termostati) – impostazione della temperatura target.
N.b. Per integrare Google Assistant con Home Assistant esistono due strade:

La presente guida illustra come realizzare la seconda possibilità, quella a pagamento.

Si parte

Attivazione del cloud Home Assistant

Il servizio cloud di Home Assistant è attivo di default. Qualora non lo fosse (quindi non apparisse la voce “Home Assistant Cloud” sotto “Impostazioni”) è necessario attivarlo aggiungendo al file di configurazione configuration.yaml le seguenti righe:

cloud:

Riavviare dunque Home Assistant.

Creazione di un account nel cloud

É ora necessario – a meno che non se ne abbia già uno – creare un account ad hoc sul client di Home Assistant. Per far ciò, recarsi alla voce “Impostazioni” di Home Assistant (interfaccia web) e cliccare su “Create Account”:

Home Assistant Cloud - Create Account

Si avrà quindi accesso a una maschera nella quale inserire le credenziali desiderate:

Home Assistant Cloud - Register

Al termine della procedura (la quale prevede una conferma via mail), procedere all’inserimento delle credenziali, nella prima schermata, alla voce “Sign In”.

Definizione dei domini

Successivamente alla configurazione del cloud, è necessario specificare in configurazione Home Assistant quali siano i domini da mettere a disposizione di Google Assistant/Home, quindi quali accessori, scene, entità ecc.

L’elenco dei domini esportabili è il seguente:

  • group (gruppi) – accensione/spegnimento
  • input boolean (input booleani) – accensione/spegnimento
  • scene – solo accensione
  • script – solo accensione/attivazione
  • switch (interruttori) – accensione/spegnimento
  • fan (ventilatori) – accensione/spegnimento
  • light (luci) – accensione, spegnimento, luminosità, colore RGB, temperatura luce
  • cover (scuri) – accensione, spegnimento, posizione della copertura (tramite “set brightness”)
  • media_player (riproduttori multimediali) – accensione, spegnimento, volume (tramite “set brightness”)
  • climate (climatizzatori e termostati) – impostazione della temperatura target.

Aggiungere quindi un blocco analogo alla configurazione Home Assistant:

cloud:
  google_actions:
    filter:
      include_domains:
        - climate
        - light
        - switch

In questo blocco di esempio sono inclusi nel dominio Google Assistant le funzionalità di condizionamento/termostato, luci e interruttori.

Prima di passare all’ultimo step, configurare la funzionalità “tts” sempre presso la configurazione Home Assistant:

tts:
  - platform: google

Attivazione integrazione Google Assistant

Prima di provvedere all’integrazione con Google Home è necessario attivare, semplicemente, l’integrazione con Google Assistant lato Home Assistant.

Sempre alla voce Home Assistant Cloud, attivare “Google Assistant“:

Home Assistant - Integrazione Google Home Assistant con Nabu Casa

Installazione di Google Assistant

Per completare l’integrazione di Google Assistant/Home con Home Assistant è necessario avere installata sul proprio smartphone e/o tablet l’applicazione Google Assistant (per Android e/o iOS).

Dopo aver provveduto tramite tale applicazione alla prima configurazione di Google Home – far riferimento, per questo, alla documentazione fornita da Google – sarà possibile effettuare l’integrazione.

Fatto ciò, eseguire l’app e autenticarsi con il medesimo account Google già usato con l’app Google Home per configurare inizialmente il dispositivo Google Home (si perdoni il gioco di parole).

Configurazione di Google Assistant

É il momento di attuare l’integrazione. Per farlo, selezionare dal menu “Impostazioni” (“Settings”):

Home Assistant - integrazione Google Assistant

Successivamente selezionare “Home control”:

Home Assistant - integrazione Google Assistantpoi, selezionare “+”:

Home Assistant - integrazione Google Assistant

Nella lista che apparirà, trovare “hass.io” e selezionarlo:

Home Assistant - integrazione Google Assistant

A questo punto il widget chiederà l’autenticazione: chiaramente, andrà utilizzata l’utenza creata nel passo precedente.
Fatto ciò, selezionare “Allow access”:

Home Assistant - integrazione Google Assistant

A questo punto appariranno tutti gli accessori inclusi nei domini precedentemente indicati nella configurazione di Home Assist, nonché la richiesta di Google Assistant di assegnare tali elementi a una “stanza” dell’ambiente domotico:

Home Assistant - integrazione Google Assistant

Al termine, cliccare su “fatto” (“done”).
A questo punto la configurazione sarà finalmente completata, e Google Home sarà pronto a ricevere comandi vocali relativi alla domotica configurata.

Esempio di utilizzo


Home Assistant Official LogoATTENZIONE: ricorda che sul nostro community FORUM c'è una sezione ad hoc dedica a Home Assistant, per qualsiasi dubbio, domanda, informazione nel merito specifico di queste componenti.


Please comment below