community italiana di domotica personale
 
Installare e configurare Home Assistant Supervised con Docker su Mini PC/Intel NUC/computer con Linux Debian

Installare e configurare Home Assistant Supervised con Docker su Mini PC/Intel NUC/computer con Linux Debian

Amazon - Promozioni del giorno
SCOPI DELLA GUIDA:
  • Installare e configurare Home Assistant in modalità Supervised su Docker, quindi dotarsi di tale HUB personale senza perdere le funzionalità offerte dal sistema operativo Linux Debian
  • Livello di difficoltà: basso
CONCETTI AFFRONTATI:
  • installazione e configurazione software
COMPONENTI SOFTWARE UTILIZZATE:
PREREQUISITI:
DISPOSITIVI FISICI UTILIZZATI:
NOTE E DISCLAIMER
  • qualsiasi eventuale modifica agli impianti domestici dev'essere progettata ed realizzata SOLO da personale qualificato;
  • qualsiasi modifica non prevista attuata in proprio è a propria responsabilità personale nonché a proprio rischio e pericolo (i contenuti della presenta pagina hanno infatti puro scopo didattico) e fa decadere garanzia, omologazioni e certificazioni di qualità; dei dispositivi interessati;
  • tutte le tecniche descritte si intendono applicate a software e firmware aggiornati alle ultime versioni disponibili;
  • questa pagina è materialmente scritta e manutenuta da più individui: non ci si aspetti né si pretenda un supporto personale. In presenza di difficoltà, chiedere supporto alla community sul nostro forum o sulla nostra chat.
Revisione guida: 1.0

Home Assistant SUPERVISED + Docker su Debian

😊  QUESTA GUIDA È PARTE DEL NOSTRO PERCORSO GUIDATO ALL’INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE
di HOME ASSISTANT su Mini PC/Intel NUC.

Abstract

Come spiegato in altre schede, Home Assistant è il uno tra gli HUB personali gratuiti ideali per realizzare una propria domotica personale in modo organico e funzionale. Questo cruciale componente software ha la possibilità di essere installato su molti sistemi e in modalità diverse: su Mini PC/Intel NUC (e non solo) una modalità spesso caldeggiata dagli sviluppatori è la modalità “Home Assistant OS”, ovvero una modalità sì completamente automatica, “chiavi in mano”, la quale prevede però di dedicare l’host all’uso esclusivo di Home Assistant, delle sue componenti e delle eventuali funzioni accessorie pur da lui sempre gestite. Questa modalità (la più facile e purtroppo più adottata) è descritta in questa guida specifica.

Purtroppo la distribuzione Home Assistant OS ha un rovescio della medaglia, ovvero le basse prestazioni a causa dell’inutile spreco di risorse previsto, dato che la componente cardinale (che alla fine è l’unica che interessa all’utente), ovvero Home Assistant Core, in questo ambito viene eseguito in un container di virtualizzazione e viene affiancato da tanti altri container quanti sono gli add-on (imprescindibili e di altro tipo) che vengono installati tramite un ulteriore strato di gestione, ovvero il cosiddetto “Supervisor“. Tutta questa stratificazione affossa le prestazioni. L’installazione di Home Assistant OS ha però il vantaggio di fornire all’utente, nell’uso ordinario, un elemento assente in altre tipologie di installazione: “l’add-on store“, ovvero il gestore delle componenti gestite dal “Supervisor” di cui sopra. Si tratta, in sostanza, di un elenco di componenti aggiuntive (MQTT, Samba, SSH, Node-RED e molti, molti altri) istanziabili e configurabili direttamente dall’interfaccia di Home Assistant, rendendo molto più semplice la personalizzazione dell’HUB e le funzioni da esso gestite.

L’alternativa è solitamente quella di installare Home Assistant Core su Docker, ovvero la modalità da noi in assoluto preferita – la quale, però, è più complessa da configurare e da amministrare, specie in presenza di ulteriori strumenti accessori. Inoltre, Core a se stante non prevede quella che per molti è una grande utilità, ovvero “l’add-on store” illustrato sopra, oppure per esempio la possibilità di effettuare backup in modo semplice ed altro.

Una vita di mezzo esiste: installare Home Assistant in modalità Supervised.

In pratica si tratta di installare il Mini PC/Intel NUC (o computer tradizionale) in modalità convenzionale con Linux Debian aggiungendovi sopra un contenitore (“container“) dentro il quale eseguire per l’appunto Home Assistant Supervised – ovvero la sola porzione applicativa presente sul sopracitato Home Assistant OS – inclusi “Supervisor“, il suo “add-on store“, la possibilità di eseguire backup in modo semplice, eccetera. Il container è un ambito virtuale che “fa credere” allo stack applicativo di Home Assistant OS di trovarsi in un ambiente tutto suo, come appunto un host ad esso dedicato: questo ne permette l’esecuzione e, al contempo, lascia all’utente lo “spazio di manovra” auspicato presso il sistema operativo Linux Debian. La tipologia di container utilizzata sarà Docker.

N.b. La scelta tra Home Assistant OS/Supervisor e Home Assistant Core è forse la cosa più complessa da comprendere quando ci si avvicina alla domotica gestita con Home Assistant. Oltre alle spiegazioni qui sopra, abbiamo dedicato una scheda ad hoc che spiega tutti gli aspetti diretti e indiretti legati a tale scelta.

Una lista delle possibili alternative per l’installazione di Home Assistant su Mini PC/Intel NUC è disponibile qui.

Procedimento

Assunti

Questa guida è dedicata a chi abbia già un mini-computer o un computer in uso con sistema operativo Linux Debian a 64bit. Per coloro che non abbiano ancora provveduto e si trovino ad avere un Mini PC/Intel NUC nuovo, magari acquistato appositamente per realizzare la propria domotica, allora questo passo della guida va smarcato seguendo prima un’altra guida, che spiega passo passo come configurare il sistema operativo Linux Debian.

La guida da seguire è questa.

Una volta terminata la configurazione di Linux Debian (inclusa la possibilità di collegarvisi tramite SSH e avendone perfezionato la configurazione) è possibile procedere nella presente guida.

Installare Docker

Installare Docker su Linux Debian è piuttosto semplice, esiste una procedura completamente automatica. Tale procedura è illustrata in dettaglio in questa breve guida.

Se si ha già provveduto all’installazione di Docker, va da sé che questo passaggio possa essere saltato.

Istanziare Supervised su Docker

Terminato il riavvio, ricolleghiamoci via SSH al nostro host e diventiamo superuser:

sudo -i

e lanciamo l’installazione di alcuni pacchetti necessari:

apt-get install apt-transport-https gnupg-agent jq libjq1 libonig5 -y

dopodiché avviamo l’istanziamento di Home Assistant Supervised:

curl -sL "https://raw.githubusercontent.com/krdesigns-com/supervised-installer/master/installer.sh" | bash -s

A questo punto prendiamoci una pausa: l’attività che segue potrebbe metterci fino a 5-10 minuti, dipendentemente dalla velocità della vostra connessione Internet e dalle prestazioni del computer.

Un’indicazione di corretto avanzamento è senz’altro la voce di log:

[Info] Install supervisor Docker container

Al termine – se tutto andrà a buon fine –  il terminale riporterà la seguente voce di log:

[Info] Run Hass.io

la quale identifica il completamento dell’attività.
Infine:

exit

Primo accesso su Home Assistant

Ora il container Docker appena installato avvierà la fase automatica di prima installazione interna di Home Assistant Core, la quale impiegherà qualche minuto (anche una ventina). La procedura iniziale sarà di fatto completa quando ci si riuscirà a collegare, tramite il proprio browser sul computer di appoggio, al seguente indirizzo:

http://homeassistant.local:8123

N.b. In caso non ci si riesca a collegare, assicurarsi che sul proprio router sia attivo il multicast DNS (mDNS). Se non lo è, la risoluzione del nome “homeassistant.local” non va a buon fine e il browser non riesce a collegarsi: la soluzione, per l’appunto, è quella di attivare il multicast (che provvede a questa cosa). Alternativamente è comunque sempre possibile collegarsi all’indirizzo diretto, ovvero http://INDIRIZZO_IP_DEL_SERVER:8123, dove l’indirizzo IP è quello assegnato dal router al computer server.

Per scoprire l’IP del server sarà sufficiente eseguire il comando:

ip a

il quale elencherà gli IP associati al server.

L’indirizzo IP è solitamente indicato a destra della dicitura “inet” e, solitamente, fa parte della subnet 192.168.0.0/16.
Scoperto l’IP, accedere ad Home Assistant indicando sul proprio browser il seguente indirizzo, come spiegato prima:

http://INDIRIZZO_IP_DEL_SERVER:8123

Al termine del completamento dell’installazione dovrebbe apparire un sito analogo a questo:

Home Assistant - onboarding - creazione utente

Il quale consente di impostare le prime, elementari e personali informazioni di “onboarding” relative alla propria domotica.

Complimenti! Home Assistant è in esecuzione.

Accesso ai log

A prescindere dai log propri di Home Assistant (consultabili da dentro l’ambiente, che ci si colleghi all’host Home Assistant OS via SSH o via interfaccia), è possibile ovviamente consultare real-time i log del container Home Assistant OS in esecuzione su Docker, a sua volta in esecuzione su Linux Debian.

Il comando – ovviamente dal terminale di Linux Debian – è il seguente:

sudo docker logs hassio_supervisor

Rifinitura

A questo punto Home Assistant è sì pronto, ma ci sono alcuni perfezionamenti, i quali derivano dall’installazione delle componenti aggiuntive che consideriamo “imprescindibili, da attuare.

A prescindere, rimane sempre utile consultare la scheda che illustra tutte le cose da fare dopo questa prima installazione.

Aggiornamento

Tutte le modalità di aggiornamento per Home Assistant Core sono riassunte su questa scheda ad hoc:

Utilità: come aggiornare Home Assistant

 

⚠️ Se di Home Assistant ne sai poco ma sei interessato a capirne di più, ti suggeriamo di partire da qui.

Questa pagina è redatta, manutenuta e aggiornata dallo staff di inDomus, un gruppo di persone molto diverse tra loro che trovi, per domande e supporto, sul forum e sulla chat del sito. Se ti sei perso, a tua disposizione c'è la mappa.
Amazon - Promozioni del giorno