Come installare e configurare Home Assistant su Apple macOS

3 minuti di lettura
●  Resta aggiornato con il nostro canale e con la nostra newsletter settimanale!  ●
Scopi della guida:
Concetti affrontati:
  • installazione e configurazione software
Componenti software utilizzate:
Prerequisiti:
  • Rete Wifi connessa ad Internet
  • Sistema operativo Windows funzionante
Dispositivi fisici utilizzati:
  • Computer Apple con sistema operativo macOS (qualunque)
GUIDA maggiormente indicatA per:

Apple-200x200

Note e disclaimer
  • qualsiasi eventuale modifica agli impianti domestici dev'essere progettata ed realizzata SOLO da personale qualificato;
  • qualsiasi modifica attuata in proprio è a propria responsabilità personale nonché a proprio rischio e pericolo (i contenuti della presenta pagina hanno puro scopo didattico);
  • qualsiasi modifica attuata in proprio a un dispositivo ne fa decadere garanzia, omologazioni e certificazioni di qualità.
Revisione guida: 1.2

Abstract

Come spiegato in altri articoliHome Assistant Official Logo, Home Assistant è il uno degli HUB personali ideali per realizzare una propria domotica personale, organica e funzionale. Questo componente software ha la possibilità di essere installato su molti sistemi e in modalità diverse: sebbene l’installazione su Raspberry Pi sia la modalità più caldeggiata (per mille motivi, non ultimo la necessità di un sistema always-on che consumi poco e niente), l’installazione su Apple macOS è semplice e ideale per chi voglia effettuare una sperimentazione. Nessuno comunque vieta di utilizzare un’installazione Home Assistant “di esercizio” su macOS.

L’elenco completo delle guide all’installazione per i vari sistemi operativi è disponibile sulla pagina indice dedicata a Home Assistant del nostro sito.

Procedimento

Premesse

Per installare Home Assistant su Windows è necessario innanzitutto installare Python (versione consigliata 3.8 o superiori). Effettuata l’installazione di Python sarà sufficiente eseguire un comando per effettuare la completa installazione di Home Assistant, il quale sarà successivamente pronto all’avvio.

Installare Python

Innanzitutto è necessario scaricare il package di installazione di Python, del quale consigliamo strettamente la versione 3.6.6.
La lista completa di pacchetti d’installazione è disponibile qui.

Successivamente, riavviare il computer.

Installare Home Assistant

Una volta installato Python, da terminale (lo trovate nelle applicazioni del Mac) eseguire il seguente comando:
pip3 install homeassistant
Questo provvederà alla completa installazione di Home Assistant.
Nb. se durante l’installazione il processo domandasse se installare “Clang”, rispondere di “non ora”.

Avviare di Home Assistant

Per avviare l’ambiente è sufficiente (sempre da terminale) il comando:
hass --open-ui

Ora, qualche minuto di attesa (dai 10 ai 20): Home Assistant, alla sua prima esecuzione, provvederà all’installazione e alla configurazione automatica di tutta una serie di componenti accessori. L’attesa terminerà alla ricevimento, sul log a schermo, della stringa:

INFO (MainThread) [homeassistant.core] Starting Home Assistant

Terminata l’attesa sarà possibile collegarsi – tramite il browser del proprio computer di appoggio – all’interfaccia web di Home Assistant presso il seguente indirizzo:

http://hassio.local:8123

N.b. In caso non ci si riesca a collegare, assicurarsi che sul proprio router sia attivo il multicast DNS (mDNS). Se non lo è, la risoluzione del nome “hassio.local” non va a buon fine e il browser non riesce a collegarsi: la soluzione, per l’appunto, è quella di attivare il multicast (che provvede a questa cosa). Alternativamente è comunque sempre possibile collegarsi all’indirizzo diretto, ovvero http://INDIRIZZO_IP_DEL_MAC:8123, dove l’indirizzo IP è quello assegnato dal router al Mac.

Per scoprire l’IP del Mac sarà sufficiente eseguire il comando da terminale (“Terminale” è tra i programmi presenti sul sistema operativo):

ifconfig

il quale elencherà gli IP associati al proprio Mac:

 

L’indirizzo IP è solitamente indicato a destra della dicitura “en1” e, solitamente, fa parte della subnet 192.168.0.0/16.
Scoperto l’IP, accedere ad HASSIO indicando sul proprio browser il seguente indirizzo, come spiegato prima:

http://INDIRIZZO_IP_DEL_MAC:8123

Una volta collegati dovrebbe apparire un sito analogo a questo:

Home Assistant - Onboarding
Il quale consente di impostare le prime, elementari e personali informazioni di “onboarding” relative alla propria domotica.

Complimenti! Home Assistant è in esecuzione.

A questo punto è comprovato il funzionamento corretto di Home Assistant, ed è pertanto possibile interromperne l’esecuzione in qualunque momento premendo CTRL+C.

Integrare accessori domotici

Ora è possibile cominciare a configurare i primi accessori della propria domotica. Per far ciò è necessario effettuare delle modifiche al file “configuration.yaml“; su questo tema, dedichiamo una guida apposita.

Aggiornare Home Assistant

A fronte della disponibilità di una nuova versione del software (è l’interfaccia grafica stessa a segnalarne la presenza) è possibile aggiornare il sistema tramite questo comando da eseguirsi sempre da terminale:
pip3 install --upgrade homeassistant


Home Assistant Official LogoATTENZIONE: ricorda che sul nostro community FORUM c'è una sezione ad hoc dedica a Home Assistant, per qualsiasi dubbio, domanda, informazione nel merito specifico di queste componenti.