community italiana di domotica personale
 
Home Assistant su Sonoff iHost: le varie installazioni, le cose da fare

Home Assistant su Sonoff iHost: le varie installazioni, le cose da fare

Come spiegato anche nella scheda dedicata ai “primi passi“, Home Assistant è un HUB personale gratuito estremamente versatile dedicato alla domotica personale e installabile in moltissimi ambiti operativi diversi.Home Assistant - Checklist Mini PC Intel NUC

Anche se non è il massimo, è possibile installarlo su Windows e su Apple macOS (vedi elenco guide); com’è noto, è possibile installarlo anche su Sonoff iHost: le scelte rispetto a come implementarlo da noi consigliate/proposte sono essenzialmente le seguenti (🔆=da noi consigliato):


La prima possibilità è usare Home Assistant OS (un tempo chiamato HassOS, o HASSIO). Si tratta di una distribuzione di Home Assistant che permette di installarlo con un solo, semplice gesto, e rende il Sonoff iHost completamente dedicato ad esso. In pratica il micro-computer diventa Home Assistant. 

Ii problemi di questa installazione sono svariati, tra i quali:

  • rimuove totalmente il sistema operativo eWeLink CUBE di Sonoff iHost;
  • fa decadere la garanzia e il supporto Sonoff;
  • la procedura di installazione non è ufficialmente supportata 

pertanto, segliamo di non documentare questa modalità.

🔆 La seconda, Home Assistant Core (su Docker) prevede di implementare Home Assistant Core istanziato come immagine container Docker. Il vantaggio di questo tipo di installazione è che Home Assistant viene eseguito come applicativo isolato, lasciando all’amministratore la possibilità di affiancarlo, successivamente, ad altri software. Questo tipo di installazione non mette a disposizione dell’utente la funzionalità aggiuntiva di store interno (“Supervisor”) per l’installazione dei vari add-on offerto dalle distribuzioni Home Assistant OS/Supervisor: eventuali componenti aggiuntivi andranno infatti installati, configurati e gestiti manualmente. Si tratta della modalità migliore, senza dubbi, dal punto di vista delle prestazioni.

N.b. La scelta tra Home Assistant OS/Supervisor e Home Assistant Core è forse la cosa più complessa da comprendere quando ci si avvicina alla domotica gestita con Home Assistant. Oltre alle spiegazioni qui sopra, abbiamo dedicato una scheda ad hoc che spiega tutti gli aspetti diretti e indiretti legati a tale scelta. Il nostro consiglio è comunque quello di tentare la strada “Core@Docker”: al massimo, non riuscendo, si farà sempre in tempo a “migrare” verso il più semplice Home Assistant Supervised oppure all’elementare Home Assistant OS.

Vediamo ora quali siano le cose da fare in caso si voglia implementare Home Assistant su Mini PC/Intel NUC, nelle varie modalità da noi testate e documentate:

Installazione Passi da eseguire Riferimenti
Home Assistant Core (su Docker) 🔆




 
 
  • Istanziare FileBrowser
> GUIDA
  • Istanziare Home Assistant Core
> GUIDA
  • Prima configurazione (“Onboarding“)
> GUIDA
  • Collegarsi da remoto a Home Assistant Core
> GUIDA
  • (Facoltativo ma caldamente raccomandato) Installare HACS
> GUIDA
  • (Facoltativo) Configurare broker e client MQTT
> GUIDA
  • (Facoltativo) Introdurre e integrare componenti ZigBee nella propria domotica
> INDICE
  • (Facoltativo) Garantire continuità elettrica alla propria domotica
> GUIDA
  • Fare qualche esercizio pratico per impratichirsi!
> Lista esercizi
VARIE

⚠️ Se di Home Assistant ne sai poco ma sei interessato a capirne di più, ti suggeriamo di partire da qui.

Questa pagina è redatta, manutenuta e aggiornata dallo staff di inDomus, un gruppo di persone molto diverse tra loro che trovi, per domande e supporto, sul forum e sulla chat del sito. Alcuni link sono taggati in qualità di affiliati Amazon e riceviamo un compenso dagli acquisti idonei, utile al sostenimento del sito, ma le nostre recensioni sono tutte indipendenti e non sponsorizzate. Se ti sei perso, a tua disposizione c'è la mappa.