Gli effetti dell’umidità sulla salute e sulla casa

7 minuti di lettura

Riportiamo traducendolo, autorizzati, un interessante articolo interessante apparso sul blog di Minut; in calce alcune nostre osservazioni.

Oltre al comfort, l’umidità può compromettere seriamente anche la salute della casa e dei suoi abitanti.

Tutti hanno sperimentato la combinazione che induce la fatica fisica in presenza di alte temperature e alta umidità all’esterno, ma è l’umidità all’interno a sfuggire spesso alla nostra attenzione. Sebbene l’umidità domestica in genere non sia così evidente come quella esterna, l’esposizione cronica a lungo termine a livelli malsani di umidità dell’aria (o mancanza di essa) può avere un effetto sorprendentemente grande sulla salute degli abitanti e sulla casa stessa. L’Agenzia per la protezione ambientale elenca la qualità dell’aria interna come una delle principali minacce per la salute ambientale, ma molti non sono consapevoli della qualità dell’aria all’interno della casa.

L’eccessiva umidità interna può favorire la proliferazione di acari della polvere e di muffe. Una concentrazione di muffa e polvere ha il potenziale non solo di esacerbare eventuali problemi respiratori esistenti, ma è stata anche direttamente collegata allo sviluppo di condizioni come BPCO e asma in soggetti altrimenti sani e può peggiorare le allergie. L’aria eccessivamente secca può essere altrettanto dannosa per la salute, in quanto asciuga il sistema respiratorio superiore e aumenta notevolmente la suscettibilità del corpo alle infezioni trasmesse per via aerea, quindi è più probabile contrarre raffreddori e/o influenze durante l’inverno.

Un delicato equilibrio

Idealmente, i livelli di umidità relativa in casa dovrebbero essere superiori al 30% durante i mesi più freddi e asciutti e tra il 40-60% durante l’estate. I microrganismi in genere richiedono un’umidità relativa superiore al 60% per crescere e diffondersi in tutta la casa, sebbene possano rimanere dormienti indefinitamente in condizioni più asciutte. La maggior parte delle persone si sente a proprio agio con un’umidità compresa tra il 35 e il 50%, ma questo numero può essere leggermente più alto per i neonati e gli anziani, i quali richiedono aria leggermente umida.

Sebbene l’umidità relativa all’interno sia principalmente correlata all’umidità nell’aria esterna, molte attività quotidiane – dalla doccia all’acqua bollente sulla stufa rilasciano umidità nell’aria all’interno – senza un’adeguata ventilazione per consentire a questa umidità di fuoriuscire l’umidità può aumentare a un livello malsano abbastanza rapidamente.

ambient

Cause di problemi di umidità

Spesso, molte questioni relative all’umidità in casa sono collegate alle pratiche edilizie rese popolari dal boom immobiliare postbellico e dalla carenza di petrolio globale degli anni ’70. Il boom economico degli anni ’50 ha portato a una domanda di alloggi senza precedenti e, nel tentativo di soddisfare questa domanda, i costruttori si sono allontanati talvolta da mattoni, malte e intonaci tradizionali a favore di cartongesso, più economico e facili da installare. Ironicamente il muro di cartongesso è incredibilmente difficile da asciugare una volta esposto all’umidità e la cellulosa trovata all’interno del materiale lo rende un incubatore ideale per la crescita di muffe nere.

A distanza di due decenni, la carenza mondiale di petrolio degli anni ’70 ha portato alla prima spinta per la costruzione di case a basso consumo energetico. Nel tentativo di ridurre le spese energetiche legate al riscaldamento e al raffreddamento, le case costruite in questa era sono state isolate così accuratamente da essere quasi ermeticamente chiuse all’aria esterna. Sfortunatamente, ciò ha avuto l’effetto corrispondente di intrappolare l’aria umida nelle case senza ventilazione per consentire all’umidità di fuoriuscire. Si sa che le case costruite dagli anni ’70 in poi hanno particolari problemi con la crescita di muffe e l’umidità persistente, in particolare con l’età.

Le case con vespai o scantinati sono anche particolarmente sensibili all’umidità elevata. Queste aree sono naturalmente umide poiché assorbono umidità dal terreno che poi penetra attraverso le fondamenta, i pavimenti e le pareti e si diffonde attraverso il resto della casa.

Sintomi di UN AMBIENTE non salutare

Per un fattore ambientale che è così spesso trascurato, la qualità e l’umidità dell’aria all’interno della casa sono state direttamente collegate a un numero sorprendentemente ampio di problemi medici. L’Agenzia per la protezione ambientale cita la qualità dell’aria interna come un rischio per la salute che ha molte più probabilità di influire sulla salute personale rispetto all’inquinamento riscontrato all’aperto.

Sebbene spesso trascurato, l’umidità potrebbe essere il fattore alla base della difficoltà a dormire, affaticamento, allergie, persistenti problemi respiratori superiori e una miriade di altri sintomi. L’umidità elevata in casa è stata associata a problemi respiratori superiori, tra cui una maggiore suscettibilità alle infezioni, respiro sibilante, sviluppo o peggioramento di allergie, problemi del seno, nonché esacerbazione dell’asma e dei sintomi della BPCO. Alti livelli di umidità sono anche comunemente associati a sensazioni di vertigini, affaticamento, nausea, frequenti mal di testa, dolori muscolari e crampi. In casi estremi, l’umidità elevata unita ad alte temperature può persino portare a colpi di calore e insufficienza cardiaca, specialmente nei bambini più sensibili e nelle persone anziane. Senza voler esser allarmisti, il livello di umidità domestica è un fattore realmente importante.

tosse

La bassa umidità può essere meno evidente in termini di comfort, ma un’umidità inadeguata in casa può essere dannosa per la salute tanto quanto gli ambienti eccessivamente umidi. I sintomi dell’aria secca in casa si manifestano solitamente nella pelle e nel sistema respiratorio superiore. L’aria carente di umidità porta alla pelle secca, alle labbra screpolate ed a polmoni, alla gola e al naso irritati. L’essiccazione delle mucose rende il corpo molto più suscettibile al raffreddore, all’influenza e alla tosse, quindi perché l’altezza della stagione fredda e influenzale si verifica durante la parte più fredda e secca dell’anno.

Umidità e sonno

Prima del sonno i nostri corpi diminuiscono naturalmente la temperatura interna, che combinata con il ritmo circadiano segnala il suo tempo per dormire, ma quando l’umidità è elevata la capacità del corpo di raffreddarsi si riduce. Questo non solo rende incredibilmente difficile addormentarsi, ma può anche interrompere la qualità e la durata del sonno. La bassa umidità è anche un colpevole comune dietro il russare e il respiro sibilante notturno, che si verificano a causa di seni secchi e gola, e possono portare a problemi respiratori a lungo termine con un’esposizione prolungata all’aria eccessivamente secca.

I bambini e gli anziani sono molto più sensibili agli effetti negativi dell’umidità, poiché i loro corpi non sono ben attrezzati per adattarsi ai cambiamenti di temperatura e umidità e i loro sistemi respiratori sono più sensibili ai danni causati dalla respirazione di aria di bassa qualità. Per questo motivo, i medici raccomandano di mantenere l’umidità interna all’estremità superiore dell’intervallo di umidità salutare (circa il 55-60%) per garantire il comfort dei bambini e delle persone anziane in casa. Ciò può essere facilmente ottenuto posizionando strategicamente un umidificatore in vivai e camere da letto, in particolare durante i mesi più freddi.

Danni alla casa

Oltre alla salute degli abitanti, l’umidità prolungata all’interno può causare gravi danni alla casa e agli effetti personali. L’umidità è particolarmente dannosa per i legni della casa e può causare la formazione di sacche di umidità all’interno delle pareti, il che non solo fa sì che la vernice si stacchi dalle pareti, ma se si forma abbastanza il muro di cartongesso può essere compromesso e deve essere sostituito del tutto. Anche i pavimenti in legno sono soggetti a danni da umidità sotto forma di restringimento e deformazione. I tappeti sono noti per essere l’ambiente ideale per le muffe quando e esposti all’umidità eccessiva e, una volta contaminati, emettono un cattivo odore e di solito devono essere sostituiti completamente. L’umidità può anche abbreviare la vita dei dispositivi elettronici in casa e danneggiare indumenti e mobili.

SOLUZIONI

Nella maggior parte dei casi alcune semplici correzioni possono migliorare notevolmente la qualità dell’aria e il comfort della tua casa. La soluzione più ovvia è l’aggiunta di un umidificatore o un deumidificatore per combattere l’umidità dell’aria non ottimale. In particolare, le case con spazi vespai o scantinati possono trarre grandi benefici da un deumidificatore in queste aree, poiché tendono ad essere naturalmente umide. Posizionare strategicamente i deumidificatori nei bagni e nella lavanderia può anche aiutare a liberare la tua casa dall’umidità in eccesso. Riparare eventuali tubi che perdono e garantire un’adeguata ventilazione in casa può anche fare molto per un’aria più sana. Infine, alcune varietà di piante domestiche hanno dimostrato di assorbire l’umidità in eccesso nell’aria, tra cui gigli di pace, edera inglese, piante di ragno, palme da canna e areca e persino alcuni ceppi di cactus e orchidee.

Le considerazioni di inDomus.

Come abbiamo letto in questo interessante articolo redatto da Minut e da noi tradotto, l’umidità può realmente rappresentare un problema domestico sia quando sia troppa, così come quando sia troppo poca. Prescindendo dalle soluzioni, quel che può intanto esser molto utile – e facilmente realizzabile – è un sistema di domotica personale che non solo fornisca l’andamento dell’umidità nei varia ambienti, ma anche delle notifiche (via smart speaker, oppure via notifiche push sul cellulare) relative al superamento di soglie di umidità predefinite.

Home Assistant - Sensore umidità
la rappresentazione di un andamento.

Per far ciò è necessario, come sempre, dotarsi almeno di un HUB personale (nel caso dell’immagine, Home Assistant) e di sensori di umidità relativa. Sul mercato ne esistono moltissimi, e per tutte le tasche: basti dare un’occhiata alla nostra sezione componenti.

Consigliamo la lettura di questo articolo dedicato a come la domotica Home Assistant possa rivelarsi un autentico alleato nella battaglia contro il formarsi della muffa in ambito domestico.

Parlando doverosamente di MINUT (il quale abbiamo avuto modo di recensire mesi fa), si tratta di un sistema di allarme domestico intelligente che combina sensori integrati di temperatura e umidità per eliminare la necessità di idrometri tradizionali e fornire informazioni semplici e fruibili sulla qualità dell’aria all’interno della casa. Il sensore di umidità fornisce una lettura precisa della percentuale di umidità relativa all’interno della casa e interpreta queste letture all’interno della nostra app.

Minut Point

L’app (per iOS e Android) fornisce anche una rappresentazione grafica dell’umidità nella tua casa nel tempo, permettendo di monitorare eventuali cambiamenti nell’ambiente e fornendo una notifica in caso di un forte aumento o diminuzione dell’umidità relativa, che può indicare una perdita o tubo rotto, un rubinetto lasciato in funzione o potenziale allagamento. MINUT è in grado di combinare le letture del sensore di temperatura e umidità per analizzare il rischio di formazione di muffe in casa.

Esistono poi elementi più elementari, come l’arcinoto sensore Xiaomi/LUMI, i quali vanno implementati presso il proprio HUB e vanno amministrati in autonomia, scegliendo quali automazioni di notifica implementare (per esempio, innescando una notifica tramite Alexa via Home Assistant), senza contare dispositivi più complessi, come i termostati (per esempio il Tado°) i quali, oltre alle funzioni base di termostato, forniscono alla propria domotica anche letture come temperatura e umidità.


I vantaggi del rendere “smart” l’illuminazione domestica


Please comment below