community italiana di domotica personale
 
ZWaveJS2MQTT (BRIDGE/Gateway software Z-Wave)

ZWaveJS2MQTT (BRIDGE/Gateway software Z-Wave)

2 minuti di lettura
Sviluppatore: ZWave JS
Disponibilità: presso repository GitHub
Categoria: BRIDGE/Gateway Z-Wave↔︎TCP/IP
Tipologia: software
Difficoltà di implementazione: bassa
Revisione scheda: 1.0

Z-Wave JS - Zwave2MQTT LogoZWaveJS2MQTT è una soluzione Open Source di recente introduzione (prima versione stabile, 1.0, rilasciata a fine gennaio 2021) utile alla definizione di un BRIDGE/Gateway Z-Wave↔︎TCP/IP per la propria domotica personale basato sulle librerie node-zwave-js. Tale componente mette in relazione due standard: lo Z-Wave, altamente adottato come standard trasmissivo per componenti domotici e il TCP/IP, utilizzato normalmente nelle nostre reti LAN domestiche e non.

Il software si appoggia, lato hardware, a un’antenna che funga da coordinator, tra le svariate compatibili con tale software; in pratica, l’adozione combinata di ZWaveJS2MQTT e di un’antenna compatibile abilita l’utente a integrare, presso la propria domotica personale, componenti basati su standard Z-Wave di diverse marche e linee prodotti.

N.b. ZWaveJS2MQTT non è da confondersi con l’omologo Zwave2MQTT (non trattato su inDomus per obsolescenza) né tantomeno con l’omologo OpenZWave, entrambi basati sulle librerie open-zwave.

La prima versione stabile (1.0) di ZWaveJS2MQTT è stata rilasciata ufficialmente il 29 gennaio 2021.

Come abbiamo spiegato in precedenza, l’adozione dei componenti basati sullo standard domotico Z-Wave prevede anche l’adozione del BRIDGE/Gateway della stessa linea prodotti (eg. l’Home Center di FIBARO per controllare i componenti della stessa linea), salvo casi di interoperabilità tra marchi – nonché l’uso forzato di app mobili apposite fornite dai produttori del gateway. Un odioso vendor lock-in da evitare sempre, a tutti i costi.

L’adozione di ZWaveJS2MQTT in associazione all’uso di un proprio HUB personale software (eg. Home Assistant), risolve tutto questo: ZWaveJS2MQTT funge infatti da ponte tra l’HUB personale e il componente Z-Wave (utilizzando come mezzo il protocollo MQTT), quale che sia, ottenendo quindi l’obiettivo della piena integrazione.

N.b. Altre modalità di adozione dello standard Z-Wave sono elencate e spiegate qui.

Come funziona

ZWaveJS2MQTT è un software gratuito che viene eseguito in modalità “server”, ovvero è un processo perennemente in esecuzione, un po’ come capita per i nostri amati HUB personali che può essere facilmente installato ed eseguito su:

  • su Raspberry Pi dotato di sistema operativo Raspbian;
  • su Docker, su Raspberry Pi dotato di sistema operativo Raspbian;
  • come addon Home Assistant (HASSIO);
  • su generici sistemi operativi Linux;
  • su Docker, praticamente ovunque esso sia supportato
  • su Microsoft WIndows;
  • su Apple macOS

ed altri.

Una volta installato e configurato ZWaveJS2MQTT sul computer di riferimento (il quale dovrà ovviamente anche avere l’antenna ad esso fisicamente connessa), la nostra rete domestica magicamente disporrà di un’interfaccia MQTT alla quale collegarsi per riuscire a censire e gestire i componenti Z-Wave della nostra domotica.

ZWaveJS2MQTT infatti altro non fa che  “tradurre” le comunicazioni del protocollo Z-Wave in comunicazioni standard MQTT, trasformando virtualmente i componenti Z-Wave ad esso connessi in componenti compatibili MQTT.

ZWaveJS2MQTT architecture
il modello funzionale di OpenZWave.

Antenne

Alcune delle antenne Z-Wave compatibili con le librerie node-zwave-js (e quindi col bridge ZWaveJS2MQTT) sono svariate. Quelle che sono per lo più testate e certificato per l’uso sono:

Tutte queste antenne permettono quindi di controllare componenti Z-Wave tramite il BRIDGE/Gateway ZWaveJS2MQTT.

Componenti

Ovviamente i componenti integrabili tramite questo standard sono i più disparati.

Alcuni dei componenti basati su Z-Wave testati da inDomus sono i seguenti:

   
Telegram News Channel