CC2530 (BRIDGE/Gateway Modulo seriale Zigbee)

2 minuti di lettura
●  Resta aggiornato con il nostro canale e con la nostra newsletter settimanale!  ●
Produttore: Vari
Categoria: BRIDGE/Gateway ZigBee↔︎altri standard
Tipologia: Modulo seriale
Tecnologie: ZigBee
Difficoltà d’installazione: Media
Semplicità d’uso: Bassa
Disponibilità: Amazon
Revisione recensione: 1.1

CC2530

“CC2530” è un piccolo ed estremamente economico modulo seriale che, programmato e pilotato opportunamente, può assumere il ruolo di coordinator o di router (in base alle esigenze) per lo standard trasmissivo ZigBee.

Com’è noto, diversi produttori hanno optato questo protocollo di comunicazione quale standard delle proprie soluzioni domotiche: è il caso della note linea prodotti Philips HUE, Xiaomi Aqara, Ikea TRÅDFRI e molte altre.

CC25310 - Con antenna
CC2530 con antenna esterna.

CC2530” rende disponibile ZigBee all’ambiente operativo dell’unità controller alla quale viene connessa. A differenza, per esempio, del Dongle USB “CC2531” – il quale si utilizza solitamente connesso via USB a un comune computer o a un micro computer come Raspberry Pi – il modulo seriale “CC2530” si connette serialmente tramite connessioni a filo a un “generico sistema computer” in grado di pilotarla e quindi sfruttarne (in diverse modalità) la trasmissione ZigBee.

NodeMUC è (per esempio) un modulo intelligente Wi-Fi basato su SOC ESP8266 il quale, tramite la sua piedinatura può collegarsi a CC2530 e pilotarla; utilizzando un firmware specifico su CC2530 e un firmware Tasmota (versioni dalla 6.7 in su) su NodeMUC, si realizza un BRIDGE/Gateway ZigBee↔︎MQTT (totalmente autonomo) a tutti gli effetti: questo significa che se laddove si posseggano componenti domotici basati su ZigBee sarà indirettamente possibile censirli e controllarli tramite HUB personali: essi utilizzeranno il protocollo MQTT (via TCP/IP su Wi-Fi) per collegarsi al BRIDGE così realizzato, il quale a sua volta si collegherà coi componenti ZigBee.

Una guida ad hoc per la realizzazione di questo scenario è disponibile qui.

Questo permette di introdurre componenti ZigBee nella propria domotica basata su HUB personali senza la necessità di implementare il BRIDGE/Gateway solitamente proposto in abbinamento. Come noto, infatti, l’adozione dei componenti basati sull’ottimo standard ZigBee prevede anche l’adozione del BRIDGE/Gateway Zigbee↔︎TCP/IP della stessa linea prodotti (eg. Gateway Philips HUE per controllare i componenti della stessa linea), salvo casi di interoperabilità (eg. l’esistente possibilità di controllare componenti ZigBee LUMI Aqara tramite Gateway Xiaomi Mijia) – nonché l’uso forzato di app mobili apposite fornite dai produttori del gateway. L’adozione di questo tipo di componente (assieme a una controparte di controllo, come spiegato) permette in sostanza di evitare l’odioso vendor lock-in dato indirettamente dall’adozione un BRIDGE/Gateway diverso per ogni linea prodotti, tra l’altro non sempre integrabile con i nostri amati HUB personali.

Il componente viene venduto così come si vede in foto: nudo, senza alcuna cover di protezione; CC2530 è un componente a basso consumo progettato per una copertura fino a 250 metri (al netto di eventuali ostacoli, e comunque solo quando dotato di antenna esterna).

PROGRAMMAZIONE

Prima di poterlo utilizzare, però, CC2530 necessita di una programmazione una-tantum, la quale è volta all’installazione di un firmware apposito il quale consente al componente di dialogare con la sua controparte hardware, quale che sia.

Disponibilità e costo

CC2530 è disponibile un po’ ovunque via e-commerce nonché negozi ordinari. Su Amazon si acquista a un prezzo che si aggira intorno ai 10 euro.